Il presidente si smentisce


RUSSIAGATE/IERI NUOVO SCHIAFFO ALL’INTELLIGENCE: “MOSCA NON CI MINACCIA PIÙ”


WASHINGTON. Donald Trump ci ricasca e dopo la precipitosa retromarcia di martedì sul Russiagate torna a sconfessare pub- blicamente la sua intelligence sulle interferenze della Russia.

Nella foga di difendere “il successo” del summit di Helsinki con Vladimir Putin, il presidente è andato oltre, escludendo che vi siano ancora mi- nacce agli Stati Uniti da parte di Mosca.

Il suo è stato un ‘no’ quasi sussurrato, in risposta alla domanda dei giornalisti se la Russia stia attivamente prendendo ancora di mira la democrazia americana. Ma tanto è bastato a riaccendere immediata- mente animi e polemiche. Perché è un ‘no’ che suona come un altro schiaffo alle agenzie di intelligence americane, che continuano a lanciare l’allarme rosso sulle interferenze russe. Tanto che in serata è dovuta di nuovo intervenire la Casa Bianca per correggere: “Crediamo che la minaccia esista, e per questo stiamo lavorando per evitare” nuove interferenze russe, si è affannata a precisare la portavoce Bian- ca Sarah Sanders, arrampicandosi sugli specchi per puntualizzare che Trump non intendeva affatto negarlo e che il suo ‘no’ si riferiva ad ulteriori domande.

Proprio nei giorni scorsi, il direttore della National Intelligence Dan Coats aveva ribadito la minaccia di cyber-attacchi, affermando che la situazione è “a un punto critico”.

Coats aveva paragonato i “segnali d’allarme” a quelli che precedettero l’11 settembre. “Oggi l’infrastruttura digitale che serve il nostro Paese è letteral- mente sotto attacco”, aveva detto all’Hudson Institute a Washington. “Fu nei mesi precedenti all’11 settembre che, stando all’allora direttore della Cia George Tenet, il sistema lampeggiò rosso.

E quasi due decenni dopo, sono qui a dirvi che l’allarme rosso lampeggia nuovamente”, aveva rimarcato, indicando in Russia, Cina, Iran e Corea del Nord i Paesi che “continuano nei loro sforzi per minare la nostra democrazia” e dipingendo Mosca come “l’attore straniero più aggressivo, senza dubbio”. Ma questo a Trump sembra proprio non entrare in testa. “C’è chi odia il fatto che io sia andato d’accordo con il presidente Putin. Preferirebbero la guerra a questo”, ha twittato di prima mattina il tycoon prendendosela con i detrattori, ‘fake news’ media e altri. In molti, secondo lui, nei ranghi più alti dell’intelligence hanno apprezzato “la mia performance alla conferenza stampa di Helsinki.

Putin ed io abbiamo discusso temi importanti nel nostro incontro. Siamo andati d’accordo e la cosa ha urtato molti ‘hater’ che volevano vedere un incontro di box. Arriveranno grandi risultati!”. Per il tycoon, affermare il contrario è malafede. Tanto più che “mai nessun pre- sidente è stato duro con la Russia come lo sono stato io. Guardate i numeri, guardate le sanzioni, guardate i diplomatici” che abbiamo espulso. “E penso che Putin lo sappia meglio di tutti, certamente mol- to meglio dei media”. Intanto al Congresso si sta valutando la possibilità di emettere un mandato di comparizione nei confronti del traduttore che ha assistito Trump durante l’incontro con Putin.


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA