• Redazione

Il sacco di veleni della Befana


CASA BIANCA/I REGALI SOTTO L’ALBERO PER IL PRESIDENTE ELETTO TRUMP


La Befana è tornata a casa con un sacco vuoto. Era pieno di veleni, la maggior parte se li è incassati Donald Trump, qualcuno è rimasto da distribuire ai suoi amici e nemici, ma il pieno se l’è fatto lui, a due settimane, ormai, dal suo insediamento ufficiale come quarantacinquesimo presidente degli Stati Uniti. C’era da aspettarselo, vista l’atmosfera che è regnata durante la campagna elettorale ma si è inasprita invece di esaurirsi come è di regola a risultato acquisito. Sotto al suo albero c’erano tanti sacchetti, i più delicati pieni di carbone, gli altri di sostanze molto più tossiche. Li hanno spediti se non addirittura fab- bricati i suoi rivali politici, umoristi, commentatori sugli organi di stampa o televisivi. Nulla gli è stato risparmiato e del resto egli ha la pelle dura e una collaudata capacità di ferire a sua volta. Solo il numero dei nemici è soverchiante. Accanto a lui c’è praticamente solo un alleato, definito come complice che non lo aiuta ma semmai accresce la tensione e le ostilità. Parliamo naturalmente di Vladimir Putin, che a giudicare dalla frequenza delle citazioni e degli assalti potrebbe essere catalogato come vicepresidente eletto. Anzi il leader del Cremlino sta prendendo il posto, almeno nella leggenda, che è stato di Barack Obama negli otto anni della sua presidenza, soprattutto all’inizio quando molti credevano o fingevano di credere che egli neppure fosse nato in America ma che la sua mamma bianca avesse per chissà quale capriccio deciso di volare dalle Hawai fino al Kenya per dare alla luce un bambino di sangue misto destina- to a contestata ma reale fama. Dicevano, di conseguenza, che Obama fosse in realtà musulmano, una specie di infiltrato nel mondo dei cristiani e dei bianchi. Tra coloro che mostravano di crederci, c’era anche un uomo d’affari newyorkese di nome Donald Trump. Colui che adesso è punito dalla nuova leggenda: quella che lo definisce spia russa. Questo perché Putin ha creduto che gli convenisse aiutarlo nel proprio interesse, pubblicamente con attestati di stima generosamente contraccambiati e sott’acqua mediante quella campagna di disinformazione condotta attraverso fantomatici hacker ufficialmente denunciati dalla Cia e da altri organi di controspionaggio Usa. Pubblicità apparentemente confermata dalla risposta concorde di quel che entro due settimane saranno i due uomini politici più potenti del pianeta. Oltre che, paradossalmente ma non sorprendentemente, dallo spione confesso, Julian Assange, boss di Wikileaks. Lui non dice dove ha pescato i testi incriminati, ma nega che glieli abbia forniti Mosca. Ciò non indebolisce, almeno ufficialmente, la linea dell’accusa, nutrita da asserzioni geopolitiche più profonde che credibili, ultimamente l’asserita responsabilità della Russia negli assalti terroristici dei jihadisti in tutto il mondo, che secondo polemisti di Washington sarebbe dovuta all’ostilità di Putin nei confronti della Cecenia. Ipotesi sorprendente, ma non più della reazione degli innocentisti, che scendono in campo dalle fila dei più recisi combattenti della Guerra Fredda, dagli ultra anticomunisti della rete televisiva della Destra, a Sarah Palin, che da governatrice dell’Alaska affermava di conoscere più intimamente le trame della ex Unione Sovie- tica perché poteva “guardarsi dalla finestra la Russia”, distante appena un paio di chilometri. Un capovolgimento da destra altrettanto curioso, anche se meno intenso e furibondo diquello opposto, che reca il marchio ufficiale della Cia, che però ammette di non avere prove che l’interferenza abbia avuto conseguenze sull’esito delle elezioni. Ma adesso i persecutori del presidente eletto paiono aver trovato un’altra arma che non sia solo di parole ma possa essere invece un’efficace rappresaglia, quasi crudele. Donald Trump sta per insediarsi alla Casa Bianca, a Washington, ma la sua residenza e la sede dei suoi affari più imponenti è nella sua città natale, New York. Avendo egli peccato tramite una vittoria elettorale, la rappresa- glia potrebbe essere perfettamente in carattere: colpirlo tramite un’elezione, a New York. È una cit- tà ultrademocratica, di cui Hillary Clinton ha ottenuto in novembre quasi l’ottanta per cento dei voti. Se si candidasse a sindaco, potrebbe ripetere questo plebiscito e, dopo, rimboccarsi le maniche e far vedere le stelle al rivale che ha sepolto i suoi sogni di Casa Bianca. La pena è già spiegata in un articolo del New York Times, che immagina ispezioni senza fine all’edificio della Trump Tower, l’albergo extralusso da lui gestito. Difetti nelle cucine e nei bagni, imperfezioni negli scarichi di acqua, occasionali carenze di latte nei bar, ispezioni senza fine, multe, pubblicità negative, spettacoli quotidiani delle Rockettes, il famoso balletto che si è rifiutato di mostrarsi per i festeggiamenti dell’insediamento del nuovo presidenteÈ l’uomo più potente del mondo, ma vulnerabile in casa propria. Un dispetto spiritoso quanto perfido, che non lo obbligherebbe a dimettersi né a togliere il saluto a Putin, ma consentirebbe a Hillary di scaricare un po’ dei veleni accumulati dalla sconfitta. Non solo contro di lui, ma verso supposti complici, dal direttore dell’Fbi cherese pubbliche le rivelazioni sulle sue scorrettezze proprio alla vigilia delle elezioni a un ex esponente democratico, Anthony Weiner, marito ostentatamente infedele della principale dama di compagnia di Hillary, Huma Abedin. In questa campagna il braccio destro potrebbe essere un ex candidato repubblica- no alla Casa Bianca, John McCain, che martella Putin rievocando il suo passato di spia del Kgb, appesantendo così la portata degli assalti a Donald Trump, eletto presidente degli Stati Uniti ma definito segugio scodinzolante del Cremlino.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA