Il Settebello vola in semifinale


TRAVOLTA LA GRECIA, ORA SFIDA CON LA SERBIA. IL CT CAMPAGNA OTTIMISTA


RIO DE JANEIRO. Fuori la Grecia, ora tocca alla Serbia, che a Londra 2012 era stata battuta dall’Italia proprio dopo i quarti portando gliAzzurri in finale. Il Settebello si è qualificato per le semifinali di pallanuoto alle Olimpiadi di Rio de Janeiro, battendo i greci per 9 a 5 (2-0, 2-2, 2-1, 3-2). Ora il percorso è in salita, se si vuole riconquistare l’oro olimpico che manca dal 1992.

Prima, come accennato, c’è la Serbia, e poi, in caso di vittoria, la vincente tra Croazia, campione olimpico in carica e favorita anche a Rio, e Montenegro. La Croazia (che ha già battuto l’Italia nel girone A per 10-7, e nella finale di Londra 2012) ora affronterà il Montenegro dopo aver facilmente battuto i padroni di casa, il Brasile, per 10-6.

Per l’Italia di Sandro Campagna una partita “perfetta” per usare le parole del ct, giocata dagli Azzurri senza concedere niente ai greci, che hanno subito il pressing del Settebello sin dalle prime battute. In porta è stato determinante capitan Tempesti, che ha eretto un muro invalicabile, rimasto inviolato nel primo periodo, che ha visto segnare Figlioli e Francesco Di Fulvio, portando il Settebello sul 2-0.

Nel secondo periodo, dopo un fortissimo tiro da lontano rimbalzato all’incrocio dei pali, è Alessandro Nora ad offrire agliAzzurri al 3 a zero. Segna quindi per i greci Mourikis, poi Aicardi porta il risultato al 4-1 e Mourikis, di nuovo, accorcia le distanze a 4-2.

Il terzo periodo inizia con scambi molto tesi, e nessuno riesce a segnare fin quando fa di nuovo centro Figlioli e poco dopo Gitti trasforma uno splendido tiro da lontano, imparabile, che

sorprende difesa e portiere greci. Si finisce sul 6-3 perché Fontoulis riesce ad accorciare le distanze prima del fischio dell’arbitro.

All’inizio dell’ultimo periodo è sempre Fontoulis a inquietare il Settebello portando il risultato a 6-4, ma gli Azzurri reagiscono alla grande: prima con Christian Presciutti, poi con

Aicardi e quindi con la stoccata finale di Figlioli: un contrattacco in solitario che non lascia nessuno scampo al portiere Flegkas. “E ora ce la giochiamo” dice Campagna.

Nella foto Ansa, un intervento del portiere del Settebello Stefano Tempesti ieri contro la Grecia


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA