Il terrore finisce in carcere



IL PROCESSO CONTRO LA CELLULA JIHADISTA LIGURE: 6 E 5 ANNI AI COLPEVOLI

GENOVA. Era una cellula ben organizzata e pronta a preparare attentati, attiva tra la Liguria e la Lombardia e che voleva il "trionfo dei mujaheddin" e fare "una carneficina dei kuffar (infedeli)". E che per questo aveva abbracciato la "taqiyya", la possibilità di nascondere la propria appartenenza religiosa per poi colpire i miscredenti. Quel gruppo era stato smantellato con una operazione dei Ros lo scorso anno, con quattro arresti, e ieri ha portato alla prima condanna a Genova per associazione con finalità di terrorismo. Il giudice per l'udienza preliminare Roberta Bossi ha condannato a sei anni Tarek Sakher, algerino di 34 anni, e Hossameldin Abdelhakim, egiziano di 43, mentre il fratello Antar, 36, è stato condannato a cinque anni. Assolto Hosny Mahmoud El Hawary Lekaa, egiziano di 31. Il magistrato ha anche disposto l'espulsione dei tre dall'Italia, al termine dell'espiazione della pena, e il pagamento di 300 mila euro di provvisionale alla presidenza del Consiglio dei ministri e al ministero degli Interni che si erano costituiti parte civile. Secondo l'accusa, sostenuta dal pm Federico Manotti, l'organizzazione diffondeva materiale jihadista e instradava combattenti dal Nord Africa in territorio siriano e in Libia per conto dello Stato Islamico (Daesh). Sakher, secondo quanto accertato, era in contat- to con una cellula europea ed era pronto acompiere un attentato. Il maggiore dei fratelli egiziani, ex macellaio in cassa integrazione, era stato arrestato a Cassano D'Adda (Milano) e secondo l'accusa sarebbe stato il reclutatore mentre il secondo faceva il pizzaiolo a Finale Ligure (Savona). Il terzo egiziano, che viveva a Borghetto Santo Spirito (Savona) era stato arrestato il 4 novembre alla stazione Principe di Genova mentre tornava da un viaggio nel suo paese. Nel telefonino di Sakher i militari avevano trovato scene di sgozzamenti, pri- gionieri uccisi, bambini soldati, le foto dei membri del commando responsabile degli attentati di un anno fa a Parigi, ma soprattutto il giuramento di fedeltà all'Isis, da recitare prima di ogni assalto. Ma erano state in particolare le chat sulla piattaforma Telegram a destare la massima allerta. L'uomo aveva scritto ad altri fondamentalisti, in contatto con i responsabili degli attentati in Europa, che si voleva immolare per Allah. Il fratello di Sakher, Redouane, 40 anni, lo scorso ottobre era stato espulso dall'Italia dopo che una inchiesta della procura di Brescia aveva scoperto che era pronto a compiere attentati.


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA