Infernocausatoda unbimbo



NEW YORK/TRAGEDIA NEL BRONX, 12 MORTI NELL’INCENDIO DI UN PALAZZO

NEW YORK. A New York è il peggior rogo dal 1990 e a causarlo è stato un bimbo di soli tre anni che giocava con i fornelli. Così in una palazzina del Bronx dodici persone, tra cui quattro bambini, hanno perso la vita, nella zona dello Zoo e poco distante dall'altra Little Italy di New York, quella che si estende lungo Arthur Avenue. E come sempre esplode la polemica sull'inadeguatezza dei sistemi anti-incendio, soprattutto in tantissimi vecchi ed obsoleti edifici della Grande Mela. La scena che si è presentata ai soc- corritori è stata infernale, e salvare tutti è stato impossibile. Circa la metà delle vittime non sono state ancora identificate, tra queste anche un bambino. Le altre giovani vittime sono tre bimbe, rispettivamente di uno, due e sette anni. I feriti sono 14, quattro di essi in condizioni critiche. L'edificio di cinque piani era abitato principalmente da immigrati ispanici e africani. Secondo le autorità le fiamme si sono sviluppate al primo piano intorno alle sette di sera e in pochi minuti hanno avvolto tutta la struttura. In conferenza stampa, Daniel Nigro, capo dei vigili del fuoco di New York, ha spiegato che il piccolo che ha presumibilmente causato l'incendio era solito giocare con i fornelli e che la madre, quando ha visto il fuoco ha trascinato lui e un altro figlio di due anni fuori dall'edificio ma ha lasciato la porta aperta. Per questo le fiamme si sono immediatamente propagate non lasciando scampo a molti altri inquilini. Ma alcuni media puntano il dito su un sistema di sicurezza fatiscente, con l'edificio che non sarebbe stato a norma, mancando i nuovi sistemi per la prevenzioni degli incendi e i rilevatori di fumo, ormai obbligatori. Inoltre anche la rete idrica anti-incendi sembra non fosse in funzione. Il sindaco di New York, Bill de Blasio, ha parlato di una 'tragedia orribile'. "Nel mezzo delle festività le famiglie si riuniscono assieme. Ma questa notte nel Bronx ci sono famiglie che sono state distrutte", ha detto commosso, sottolineando anche come da anni nella Grande Mela non si verificava un incendio con la perdita di così tante vite umane. Dal 1990 è stato sempre il Bronx il teatro di stragi causate da roghi. Era il 25 marzo del 1990 quando un incendio doloso all'interno di un club causò la morte di 87 persone. La maggior parte delle vittime era di origini ispanica e stava festeggiando il carnevale. Nel 2007, invece, dieci persone, tra cui nove bambini, morirono in un incendio in una casa di quattro piani a causa di una stufa malfunzionante


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA