Insigne trascina il Napoli

Serie A/Il capitano partenopeo protagonista con una doppietta contro un ottimo Bologna



IL NAPOLI torna alla vittoria e continua a inseguire le prime posizioni della classifica, con uno sguardo sempre vigile sul quarto posto, l'ultimo utile per qualificarsi alla prossima edizione della Champions League. La vittoria è meno chiara e netta di quanto il punteggio finale potrebbe far immaginare. In realtà è il Bologna a fare la partita e complessivamente a giocare un calcio migliore. Il Napoli ha il merito di concretizzare in maniera molto pratica le occasioni che riesce a creare. Agli emiliani fa invece difetto proprio la concretezza con la quale avrebbe probabilmente potuto raggiungere un risultato diverso. Il Napoli trova subito il vantaggio, dopo appena 8' di gioco grazie a Insigne che un tacco di Zielinski libera per il tiro dal limite dell'area di rigore. Ma nella prima frazione di gioco è la squadra di Mihajolovic a fare la partita. I rossoblù sfiorano il pareggio prima con una conclusione indiagonale da destra di Olsen che finisce sul palo e più avanti con Palacio che si incunea centralmente e manda il pallone in fondo alla rete, anche se la posizione di partenza dell'argentino era di fuorigioco. Il Bologna gioca con fluidità e con disinvolura quando deve attaccare. Inoltre gli ospiti esercitano una pressione intensa sugli avversari che, come è loro abitudine, cominciano l'azione sempre da Ospina. Il Napoli dunque ha grosse difficoltà ad uscire dalla propria area di rigore e quasi sempre i disimpegni dei difensori di Gattuso e anche di Demme e Ruiz, gli unici due centrocampisti che dovrebbero fare da filtro davanti alla retroguardia, finiscono per essere intercettati dagli avversari. Nella ripresa il Bologna si presenta in campo con una dterminazione ancora maggiore e chiude il Napoli nella propria area di rigore. Palacio ribatte una respinta di Ospina e spinge il pallone in rete, ma Chiffi annulla il gol perchè l'attaccante del Bologna non fa battere il pallone sul terreno di gioco prima di toccarlo con il piede. Gli sforzi della squadra di Mihajlovic non danno alcun frutto e il Napoli ne approfitta utilizzando con cinismo la sua arma migliore, vale a dire il contropiede. È il 20' quando Zielinski lancia Osimhen, appena entrato in campo al posto di Mertens, e il nigeriano batte sullo scatto Danilo, entra in area di rigore e manda il pallone in fondo alla rete. Il Bologna, però, non si dà per vinto e al 28' riduce le distanze con Soriano che sfrutta un errore della difesa del Napoli, innescato da un errato rilancio di Ospina. In soli tre minuti, però, il Napoli ristabilisce le distanze con Insigne che sfrutta un lancio di Osimhen e insacca con un rasoterra da 20 metri. Una serie di cambi effettuati dalle due panchine non modificano la sostanza della gara. Il Bologna continua ad attaccare con coraggio e con determinazione, ma la difesa del Napoli riesce a contenere le offensive della squadra di Mihajlovic e a portare fino in fondo una vittoria che fa anche molto morale, alla vigilia di un trittico terribile fuori casa, con Milan, Juventus e Roma.

AmericaOggi.us Tutti i diritti riservati

Crea un account
e ottieni contenuti esclusivi e molto altro