• Redazione

Inzaghi: onore al Napoli



LAZIO/IL TECNICO: “GRANDISSIMA SQUADRA, ABBIAMO COMMESSO DEGLI ERRORI”

ROMA. Con forza e personalità. Il Napoli sbanca l’Olimpico e con un netto 3-0 allunga a +7 e chiude virtualmente il sogno di Inzaghi di agguantare il terzo posto. Decide il vantaggio di Callejon (alla sua 200esima presenza in maglia azzurra) e una doppietta di Lorenzo Insigne che rilanciano le ambizioni partenopee di secondo posto: “A fine anno tireremo le somme, per noi stasera era un passaggio importante in tutti i sensi, noi andiamo avanti fino alla fine cercando di raccogliere il maggior numero di punti possibile, poi vediamo”, esordisce Maurizio Sarri riferendosi alla corsa sulla Roma, di nuovo a 4 punti. Un Napoli che torna al successo dopo le due sfide con la Juventus in campionato e in Coppa Italia: “Abbiamo fatto un pareggio e una vittoria con i bianconeri che è tanta roba - spiega il tecnico toscano - vedere la Juve così in difficoltà ci dà benzina e non ci fa uscire stravolti. Siamo usciti delusi per l’eliminazione ma convinti che la strada sia quella giusta. Come ci succede a volte abbiamo dei cali di tensione, e quando li hai contro una squadra forte come la Lazio in questo momenti, rischi tanto”. “Cosa ci manca per puntare al titolo? Noi stiamo facendo un percorso, abbiamo tanti giovani e abbiamo cercato di dare una forte identità alla squadra e delle certezze. Certo, servirebbe un pizzico di mentalità in più e prendere qualche gol in meno ma vorrei anche continuare a divertirvi esprimendo questo calcio, altrimenti mi annoio e non trasmetterei più le stesse emozioni”, ha aggiunto Sarri, che su Insigne ha concluso: “È un talento grandissimo, mi piacerebbe che un ragazzo napoletano diventasse una bandiera del Napoli. Se anche io resto a lungo? Non lo so, l’allenatore è come il pesce, dopo un po’ puzza...”. Partenopei che dopo il successo di ieri sera restano in scia alla Roma: “Eravamo consapevoli che oggi c’erano in palio tan- ti obiettivi stagionali, per il discorso anche del terzo posto. Adesso guardiamo su e si lavora per andare a cercare i giallorossi”, si dice sicuro Pepe Reina. “Sì - conclude il portiere spagnolo - è ancora tutto aperto: abbiamo un calendario difficile ma siamo in salute e fiduciosi, possiamo giocarcela fino alla fine contro di loro”. A fine match, Simone Inzaghi non nasconde il rammarico: “Avevamo una grandissima occasione - le parole del tecnico biancoceleste - perché potevamo andare a un punto dal Napoli, avremmo potuto fare meglio ma comunque onore al Napoli. Sapevamo che incontravamo una grandissima squadra e che che dovevamo essere perfetti. Invece abbiamo fatto qualche errore che in queste partite non ti perdonano. Il secondo gol a difesa schierata potevamo evitarlo. Guardiamo avanti ricominciando dalla reazione del secondo tempo. Con una gara a settimana l’organico è ok, difficile prevedere che in una partita ti vengono a mancare Biglia, dr Vrij e Lulic. Se il prossimo anno giocheremo in Europa la società sa che serve un organico più lungo. Ma questo quarto posto dobbiamo difenderlo con i denti”.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA