Isis, parte la caccia ai traditori



ROMA. Costretto ad arretrare sotto le bombe e assediato nelle sue roccaforti di Falluja e Raqqa - e ora anche a Sirte, in Libia-l’Isisdaalcunimesicombatteanche sul fronte interno, contro un demone ancora più insidioso: il “panico da infiltrato”.

Il califfato sta divorando i suoi stessi “figli”,uccidendo decine dei suoi militanti: a volte semplici vittime del sospetto, altre volte individuati con certezza e costretti a una brutta fine. Un mondo svelato da fonti d’intelligence ben informate citate dall’Associated Press, secondo le quali alcuni militanti, seppure non siano degli infiltrati, si sono venduti al nemico per semplice mancanza di soldi, mentre fra i capi si diffonde la paranoia.

Le fonti concordano sul fatto che la crisi, con le conseguenti purghe, è stata innescata quando una serie di obiettivi - strutture e personalità del califfato-hanno iniziato ad essere colpiti con precisione da missili,droni e bombe intelligenti.Dopo l’uccisione di Abu Hayjaa al-Tunsi, un capo militare dell’Isis che aveva preso ogni precauzione per non essere colpito e che fu polverizzato sulla sua jeep, centrata mentre era in missione nel nord della Siria, i sospetti sono subito ricaduti sui militanti della sua scorta. Solo loro potevano infatti conoscerne gli spostamenti, e segnalarne le coordinate alnemico.

La “caccia alla spia” scatenata dopo l’uccisione di al-Tunsi è terminata con l’uccisione di 38 militanti in quella che ha tuttalw’aria di un’epurazione in discriminata , secondo quanto rivelano militanti dell’opposizione siriana, comandanti militari curdi, vari funzionari dell’intelligence irachena e anche un ex informatore del governo di Baghdad nelle file dello Stato islamico. Ma tanti altri militanti caduti in disgrazia o colpiti dal sospetto sono scomparsi e altri sono statihiusi in carcere. Negli ultimi mesi fonti americane si dicono sicure di aver eliminato in attacchi mirati personaggi del calibro del “ministro della guerra” del Califfato, Omar al-Shishani, o del “ministro delle finanze” noto con vari nomi, Haji Iman, AbuAlaa al-Afari oAbuAliAl-Anbari. Colpiti e uccisi uno dopo l’altro anche diversi capi che hanno svolto l’incarico di “wali”, cioè di governatori, della provincia di Mosul, la principale roccaforte irachena ancora nelle mani dell’Isis. In questa situazione “i comandantinon osano più spostarsi fra Iraq e Siria nel timore di venire liquidati” in un raid.

A destare sospetto, riferiscono le fonti, a volte basta una connessione internet co un cellulare acceso.“Decine di militanti sono stati uccisi con l’accusa di aver piazzato dei chip Gps su degli obiettivi per guidare i razzi”, fa sapere il leader dell’Osservatorio siriano per i diritti Umani (Ondus), RamiAbdurrahman. Ma altri sono stati sommariamente eliminati semplicemente perché in casa avevano una qualsiasi apparecchiatura per la telecomunicazione. Secondo Abdurrahman, alcuni dei militanti hanno iniziato a passare informazioni alla coalizione internazionale sulle coordinate degli obiettivi o sui movimenti dei dirigenti per semplice bisogno di soldi: una necessità dettata dai tagli agli stipendi decisa dall’amministrazione del Califfato per far fronte al prosciugamento delle fonti di finanziamento e agli attacchi al commercio del petrolio. Per stanare le talpe, l’Isis ha imparato a ricorrere anche a piccole trappole, quando su un militante si posa il sospetto: per esempio vengono fatte trapelare false informazionisuglispostamentidiqualche dirigente e si verifica poi se il “falso bersaglio” viene colpito in un attacco. L’Isis è in grave difficoltà sul piano militare. Le forze armate irachene hanno annunciato di avere preso il controllo della zona sud di Falluja, due settimane dopo l'avvio dell'offensiva per strappare la città all'Isis. Il generale Abdel Wahab al-Saadi ha reso noto che le sue truppe si sono assicurate una grande area agricola, Naymiyah, grazie anche al sostegno dei raid della coalizione a guida americana. Adesso le truppe irachene sono pronte ad entrare in città. nche in Libia l'Isis si trova in chiara dfficoltà. Secondo il premier designato del governo libico di unità,Fayezal-Sarraj, una vittoria militare sull'Isis a Sirte, dov'è in corso un'offensiva, è “vicina”. “Potremoanche-haproseguitoSarraj in una breve intervista al francese Journal du Dimanche - prendere il controllo di tutte le zone che esso (l'Isis) occupa. Speriamo inoltre che questa guerra contro il terrorismo possa riunire la Libia. Ma questo sarà lungo, e la comunità internazionale ne è consapevole”. Stretta nalla morsa dei bombardamenti, l’Isis da mesi ha ridimensionato la sua propaganda,messo il freno ai proclami e la sordina alle provocazioni mediatiche e alle esibizioni di violenza. La propaganda e lo scambio di informazioni si è spostato per lo più sottotraccia. Ma non stupisce che in questa situazione una grossa fetta delle immagini fatte circolare sui social media riguardino il trattamento esemplare riservato a chi è stato scoperto a spiare per il nemico. Come quei militanti calati vivi in una tinozza piena di acido in un’esecuzione pubblica descritta da alcuni informatori.


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA