Juve, è rebus Sarri

Depistaggio? Pretattica? Bugie? Fatto sta che il contratto non c’è



TORINO. Maurizio Sarri , ma non solo lui. La Juventus non avrebbe ancora preso la decisione definiva per il dopo-Allegri in panchina. Depistaggio? Pretattica? Bugie? Di sicuro, Fabio Paratici è riuscito a scalfire le certezze dei tanti che danno per imminente lo sbarco a Torino del tecnico che ha appena portato il Chelsea al trionfo in Europa League. “Abbiamo un range di allenatori che stiamo valutando, ci vuole un po’ di tempo”, ha detto il dirigente bianconero ieri pomeriggio a Napoli, dove ha ricevuto uno dei premi ‘Football leader’.Parole che rimescolano ancora le carte dopo le frasi di Sarri nell’intervista esclusiva di Vanity Fair, interpretate quasi come un sì alla Juventus. “E’ stato un anno pesante. Per noi italiani il richiamo di casa è forte. E non potrò allenare 20 anni. E’ roba faticosa, la panchina”, ha confessato il tecnico. Paratici ha minimizzato: “Sarri ha detto che ha nostalgia, come tutti gli italiani all’estero ed è una grande verità”. Sarri resta quindi in bilico, ma ha già messo le mani avanti con i tifosi del Napoli, caso mai dovesse sedersi sulla panchina degli odiati avversari. “I napoletani conoscono l’amore che provo per loro. L’anno scorso ho scelto l’estero per non andare in una squadra italiana. La professione può portare ad altri percorsi, non cambierà il rapporto. Fedeltà è dare il 110% nel momento in cui ci sei. L’ultima bandiera è stata Totti, in futuro ne avremo zero”. Sui social infuria l’hastag #Sarriout, che ha diviso i tifosi juventini, e non solo. Di Sarri ha parlato anche l’assessore allo sport del Comune di Napoli, Cirio Borriello, a Torino per la partenza del tour della fiaccola delle Universiadi estive: “Da uomo delle istituzioni non posso che perdonare un eventuale passaggio di Sarri alla Juventus. Da tifoso no”. Non è detto però che i tifosi del Napoli debbano arrabbiarsi tre anni dopo il ‘tradimento’ di Higuain: “Abbiamo un range di allenatori che stiamo valutando. - ha rimarcato Paratici - Abbiamo le idee chiare. Non c’è un time limit per la scelta, ci vuole un po’ di tempo e poi tutti sapranno chi sarà il nuovo tecnico della Juve”. Ancora qualche giorno, forse. Sarri o un altro, la Juventus è al lavoro per la squadra dell’anno prossimo, con Pogba e Milinkovic-Savic tra gli obiettivi. Ma intanto il ‘promesso sposo’ fa sapere di essere disposto a cambiare look: “Se la società mi imponesse di andar vestito in altro modo (rispetto alla tuta, ndr), dovrei accettare”.

ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA