Juve felice di non giocare


SERIE A/RINVIO ACCOLTO DI BUON GRADO. MERCOLEDÌ STESSA SFIDA IN COPPA


TORINO. Sotto la neve è sfumato l’eventuale nuovo sorpasso, almeno temporaneo, della Juve al Napoli che oggi, vincendo a Cagliari, potrà invece portarsi a +4.

Una bufera di neve all’Allianz Stadium ha fatto saltare la partita dei bianconeri contro l’Atalanta. Sono bastati bastati 4-5 centimetri di neve, caduti in 55 minuti dalle 17.05 alle 18, a far rinviare il match, decisione presa poco dopo le 18 dall’arbitro Mariani.

Dopo l’annuncio delle formazioni i due capitani, Buffon e Toloi, erano entrati in campo insieme al direttore di gara Mariani ma l’ultimo sopralluogo ha subito fatto capire che non si sarebbe potuto giocare, per le condizioni del manto erboso e la scarsa visibilità. In rinvio è stato accolto, come prevedibile, dai fischi dei tifosi assiepati sugli spalti e infreddoliti vista la temperatura sotto lo zero: per il recupero le date più probabili sono martedì 13 e mercoledì 14 marzo, ma la decisione verrà presa nei pros- simi giorni.

E comunque non si potrà giocare negli stessi orari della partite di Champions: il 13 si giocano, entrambe alle 20.45, Roma- Shakhtar Donetsk e Manchester United-Siviglia; il 14 sono in programma, Besiktas-Bayern alle 18 e Barcellona-Chelsea alle 20.45.

Difficile incastonare in un’altra settimana il recupero in un calendario molto fitto, sopra- tutto se la Juventus resterà in corsa in Cham- pions.

Un altro Juventus-Atalanta si giocherà comunque già dopo domani per il ritorno delle semifinali di Coppa Italia, sempre all’Allianz Stadium.

Quella di iergi, per il campionato, è saltata per una combinazione sfavorevole, visto che alle 18.45 la neve aveva già smesso di cadere su Torino. Dopo aver srotolato i teloni per proteggere il campo a inizio giornata, viste le previsioni che da giorni preannunciavano neve, le coperture sono state tolte a due ore dall’inizio della partita, condizione necessaria per permettere i test sulla ‘goal-line technology’ e sulla Var. Le serpentine hanno scaldato il campo, ma vista la loro posizione 40 centime- tri sotto il livello del campo non sono state in grado di sciogliere la neve.

All’ingresso in campo per il riscaldamento le condizioni del manto erboso erano già compromesse: una scelta, quella di non giocare, che ha sicuramente fatto felici entrambe le squadre: la Juventus, preoccupata per le con- dizioni fisiche dei suoi giocatori visti i tanti impegni e i numerosi infortunati, l’Atalanta che potrà recuperare i calciatori spremuti dalla sfortunata sfida di giovedì in Europa League contro il Borussia Dortmund. Molti giocatori della Juventus hanno pubblicato le loro foto sotto la neve a Marchisio ci ha aggiunto un ringraziamento ai tifosi: “Grazie a tutti per essere venuti allo stadio. Oggi era impossibile giocare, lo sapevate, ma no- nostante tutto eravate lì per noi”.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA