Juve, incognita Higuain


SERIE A/Il Pipita rischia di saltare l’Atalanta. In tal caso Allegri riproporrà il 4-3-3 con Cuadrado


TORINO. Il morale alle stelle, molte stelle in infermeria. Un gioco di parole che riassume la condizione della Juventus alla vigilia della sfida di Marassi con il Genoa, snodo importante per la squadra di Allegri. Alle assenze di Benatia, Barzagli, Dybala e Pjaca potrebbe ripetersi all'ultimo minuto quella di Higuain: il 'Pipita', già costretto a saltare la trasferta di Siviglia in Champions a causa di un trauma contusivo alla coscia sinistra, è ancora in dubbio per il match di Genova. Solo oggi sarà sciolto il dubbio circa la sua presenza. Difficile in questo momento capire quale sarà il volto dei bianconeri scelto da Allegri: in caso di forfait del centravanti argentino sarà riproposto il 4-3-3 con cui è stata espugnata Siviglia, mentre in caso contrario si opterà per il rassicurante e produttivo 3-5-2, rimandando gli esperimenti tattici ad altri momenti di abbondanza nelle scelte. Il modulo scelto dal tecnico livornese non sarà un problema per il colombiano Juan Cuadrado, ago della bilancia della Juventus in questa prima parte di stagione: la sua duttilità e la capacità di cambiare le sorti del match sono due delle certezze a cui si aggrappa Allegri nei momenti di difficoltà. Dalla sfida in Champions con il Lione, vinta grazie ad una sua splendida rete, agli assist per i compagni, le giocate di Cuadrado sono una delle certezze di Allegri. "Sono sempre chiamato in causa e se avrò la possibilità di giocare con il 4- 3-3 o il 3-5-2 mi adatterò" è il manifesto programmatico dell'attaccante colombiano, consapevole del ruolo cucitogli addosso.Cuadrado è stato uno dei protagonisti della vittoria di Siviglia e del passaggio del turno in Champions, "uno dei primi obiettivi" dei bianconeri per questa prima parte di stagione: quella di Siviglia è stata "una grande vittoria", costruita con la consapevolezza di "essere una grande squadra". Amore non solo a parole per Cuadrado, che in estate ha preteso "fortemente di tornare" in bianconero: "Mi sentivo bene a Torino, in una grandissima squadra" e in un Paese, l'Italia, che il colombiano considera "una secondacasa". Tornando alle assenze, probabile il recupero di Dybala e di Benatia per la sfida del 3 dicembre contro l'Atalanta, mentre per Pjaca i tempi non sono maturi e si dovrà aspettare per vedere in campo il talento croato. Ultima sfida in emergenza, quindi, per i bianconeri: dalla prossima settimana dovrebbe iniziare il recupero di tutto l'immenso potenziale offensivo della Juventus. Fino a quel momento, si può contare su Cuadrado.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA