Koulibaly gioca col poker



NAPOLI. Potrebbero arrivare anche i gol e la fantasia di Simone Verdi in un Napoli che, intanto, si gode il sorriso del difensore più prolifico della serie A, Kalidou Koulibaly. Non solo perno della difesa meno battuta d’Italia, infatti, ma il senegalese è sempre più decisivo anche nell’area avversaria. Quattro i gol segnati da Koulibaly finora: i primi due di rapina, all’interno dell’area di rigore di Lazio e Cagliari, gli ultimi due di testa, entrambi su calcio d’angolo, contro Torino e Verona. Un poker da impazzire con le ultime due reti che hanno anche avuto il merito di sbloccare il risultato, aprendo poi la strada alle vittorie della squadra di Sarri. Koulibaly cresce anche sotto il profilo offensivo, candidandosi a diventare il nuovo Sergio Ramos, il difensore bomber del Real Madrid que- st’anno fermo a una sola rete, in Champions League. Alla prima stagione in azzurro aveva segnato un solo gol, al Palermo, l’anno scorso le due reti contro Roma e Fiorentina: le quattro reti sono il record personale in carriera del difensore partenopeo che si candida ora a crescere ancora, in particolare sfruttando la sua elevazione nei calci d’angolo, quando i compagni spesso lo cercano vista la scarsa propensione all’elevazione del “tridente dei piccoli”. Non solo gol, ovviamente, visto che Koulibaly è il perno della difesa meno battuta d’Italia (solo 13 gol su- biti in 20 giornate) e una delle migliori d’Europa, appaiata al Manchester City e superata solo da colossi come Barcellona e Bayern Monaco. Ma i gol i tifosi del Napoli li aspettano anche dal nuovo attaccante in arrivo: con Rui sempre più positivo e Ghoulam che sta bruciando le tappe del rientro in campo, l’attenzione sul mercato dal terzino si è spostata tutta sul reparto offensivo. La priorità è Simone Verdi che è molto tentato di lasciare Bologna in direzione Castel Volturno: “Ci siamo presi una pausa di riflessione, appena torna dalle vacanze ci siederemo io e lui dinanzi ad un tavolo e decideremo” ha confermato il suo agente Donato Orgnoni a Kiss Kiss Napoli, confermando l’apertura del calciatore del Bologna al trasferimento in azzurro. Verdi ha preso alcuni giorni di vacanza nella sosta di campionato anche per decidere sul suo futuro, invertendo la rotta che era stata tracciata nei giorni di Natale, quando lo stesso manager del giocatore in un’intervista al Resto del Carlino aveva dichiarato: “Simone ha deciso di rimanere a Bologna, non si torna indietro”. Il pressing del Napoli starebbe avendo effetto su Verdi che si vedrebbe raddoppiare l’ingaggio e avrebbe avuto garanzie dal club azzurro di diventare il primo ricambio per l’attacco. Il Napoli ha offerto una base di venti milioni di euro al Bologna a cui si aggiungerebbero dei bonus. In alternativa il ds Giuntoli è pronto a fiondarsi su Gerard Deulofeu, in uscita dal Barcellona. IL PRIMO ACQUISTO - In attesa di un nuovo esterno d’attacco, il Napoli potrebbe a breve ufficializzare il primo acquisto della sessione di mercato invernale: si tratta di Zinedine Machach, franco-algerino del 1996 libero dal contratto con il Tolosa e pronto a firmare con gli azzurri. “Siamo alla stret- ta finale, aspettiamo solo l’ultimo ok del Napoli per concludere la trattati- va” ha confessato a Radio Crc Graziano Battistini, intermediario per l’affare che porterà il centrocampista a Napoli. “Nei prossimi giorni svolgerà le visite mediche, poi ci sarà la firma col club. Il futuro ancora non lo conosciamo: aspettiamo di concludere la trattativa, poi capiremo se resterà a Napoli o andrà in prestito altrove”. Grande fisico, ottima qualità nei piedi, quello di Machach è un profilo molto interessante. Da analizzare, però, le attitudini comportamentali di un calciatore che è andato via da Tolosa dopo una rissa con lo staff tecnico ed aver rotto con la società francese. Sarri porebbe valutarlo nei prossimi giorni a Castel Volturno e poi decidere cosa fare con il primo colpo del mercato d’inverno.