L’altoforno 2 resta acceso

EX ILVA/A.MITTAL FERMA LO STOP DEGLI IMPIANTI SU RICHIESTA DEL GIUDICE DI MILANO

di Barbara Marchegiani


TARANTO. Continua la battaglia a tutto campo per fronteggiare l’addio di ArcelorMittal al polo siderurgico italiano. Ma intanto alla richiesta del giudice di Milano di non interrompere l’attività degli impianti, la società risponde con la sospensione delle procedure di spegnimento (anche l’altoforno 2 al momento resta acceso) in attesa della prima udienza sul ricorso d’urgenza presentato dai commissari, fissata per il 27 novembre. La tensione era rimasta alta tra i lavoratori, l’indotto compreso in presidio davanti ai cancelli dello stabilimento di Taranto, ma anche nel governo, che prepara un piano B e incassa la data di un nuovo incontro tra il premier Giuseppe Conte, i ministri dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, e dell’Economia, Roberto Gualtieri, e il gruppo franco-indiano. Il vertice è fissato per venerdì alle 18.30. La notizia giunta in serata stempera, almeno per il momento, gli animi mentre la preoccupazione dei sindacati, arrivata al Quirinale e raccolta dal capo dello Stato, fa sentire il suo peso. Sergio Mattarella per lo più ascolta i problemi sul tappeto ma afferma come l’ex-Ilva sia un grande problema nazionale che va risolto con tutto l’impegno e la determinazione, non solo per le implicazioni importantissime sul piano occupazionale, osserva, ma anche per quanto riguarda il sistema industriale italiano. I sindacati appaiono sollevati dopo le notizia arrivate da Taranto ed il leader della Cgil, Maurizio Landini, salito al Colle con i segretari di Cisl, Annamaria Furlan e Uil, Carmelo Barbagallo, afferma che si tratta di “un primo risultato importante ma adesso non c’è tempo da perdere”. Furlan si augura che sia il primo passo per “salvare” la fabbrica. “Abbiamo fatto un atto eccezionale, non è norma discutere di crisi aziendali con il presidente della Repubblica - riconoscono le rappresentanze dei lavoratori - ma il fatto che ci abbia immediatamente dato questo incontro credo significhi che anche il presidente condivida l’eccezionalità della situazione e la necessità di una soluzione in tempi rapidi”. Sul versante giudiziario, dove si allargano le indagini anche sul fronte tribu- tario e per false comunicazioni al mercato, arriva invece dal tribunale di Milano (una seconda inchiesta è aperta al tribunale di Taranto) la data della prima udienza sul ricorso d’urgenza dei commissari: il prossimo 27 novembre. E proprio nel fissare la data, il giudice aveva invitato ArcelorMittal “a non porre in essere ulteriori iniziative e condotte in ipotesi pregiudizievoli per la piena operatività e funzionalità degli impianti”. In sostanza, a non fermarli. Invito accolto dalla multinazionale dell’acciaio che da parte sua “prende atto e saluta con favore l’odierna decisione del Tribunale di non accogliere la richiesta di emettere un’ordinanza provvisoria senza prima aver sentito tutte le parti”. Si apprende intanto che nel ricorso i commissari parlano dell’iniziativa “gravissima” e “unilaterale” con cui Am vuole sciogliere il contratto di affitto - e della “dolosa intenzione di forzare con violenza e minacce” un riassetto dell’obbligo contrattuale - che riguarda un impianto industriale di “interesse strategico” e che determinerebbe “danni sistemici incalcolabili”. Danni in definitiva a carico dell’ “intera economia nazionale”. Intanto di fronte alla possibilità che ArcelorMittal non faccia passi indietro e non riveda la decisione di lasciare Taranto e gli altri siti del Paese, il governo pensa al piano B: in tal caso, per l’ex Ilva scatterà “l’amministrazione straordinaria, con un prestito ponte” da parte dello Stato in modo da riportare l’azienda sul mercato entro “uno-due anni”, spiega il ministro per gli Affari regionali, Francesco Boccia. “Se necessario rifaremo senza alcun problema” l’amministrazione straordinaria che ha già “salvato l’Ilva dal crack dei Riva”. Una “alternativa non c’è”. E solo dopo “si deciderà” sull’ingresso di altre aziende dello Stato, aggiunge Boccia, ritenendo che abbia “assolutamente fondamento la possibilità che entrino altre aziende, tra cui Cdp, ma è un tema che si porranno i commissari”. Al momento, Cassa depositi e prestiti replica dicendo di assistere “ad una delicata trattativa” su cui il governo è impegnato, come risponde l’a.d. Fabrizio Palermo, e garantisce “grande attenzione a quello che avviene sul territorio, a livello di enti locali, di tutte le nostre società partecipate”, come dice il presidente Giovanni Gorno Tempini. Palermo comunque sottolinea il ruolo di Cdp, che “ha sempre sostenuto il Paese e continuerà a farlo.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA