• Redazione

L’economia fa paura: si ferma la corsa del mercato del lavoro

NEW YORK. La corsa del mercato del lavoro americano si ferma, lasciando prevedere un rallentamento dell'economia statunitense più rapido delle attese. I posti di lavoro creati in febbraio sono solo 20.000, decisamente al di sotto dei 180.000 attesi dagli analisti, e ai minimi da 17 mesi. Il tasso di disoccupazione è però calato al 3,8%, vicino ai minimi degli ultimi cinque anni. Una buona notizia arriva dai salari, saliti su base annua del 3,4%: erano quasi dieci anni che si registrava un aumento così sostenuto.

La fotografia scattata dal Dipartimento del Lavoro non è rassicurante perchè alimenta i timo- ri di una frenata della ripresa a stelle e strisce, anche se non indica per forza una recessione.

La Casa Bianca prova a rassicurare, mettendo in evidenza come l'economia americana è in grado di resistere anche a un rallentamento dell'Europa.

Invitando a non leggere "troppo" nei dati sul lavoro di febbraio e parlando di una velocità di crescita statunitense intorno al 3% se non oltre, il consigliere economico della Casa Bianca Larry Kudlow prende di mira l'Europa e critica le misure di stimolo della Bce: "La riposta è nelle riforme fiscali e del mercato del lavoro in Europa, e molti dei Paesi non le hanno fatte trovandosi con una crescita vicina alla zero".

Al momento la forza della ripresa americana - aggiunge Kudlow in un'intervista a Bloomberg - l'unica cosa che tiene a galla l'Europa: i consumatori americani rappresentano "l'unica domanda" di prodotti per il Vecchio Continente. "Noi cerchiamo di aiutare, ma a un certo punto servono misure", incalza.

Le rassicurazioni dell'amministrazione però non bastano a calmare gli investitori, secondo i quali - a dispetto di Kudlow - ritengono che la Bce non si sia spinta troppo oltre.

Sulla scia dell'Asia e delle piazze finanziarie europee, Wall Street è in rosso preoccupata per lo sta- to di salute dell'economia mondiale, che ha innescata una netta inversione di rotta per la Bce e spinto la Fed a prendersi una pausa nel rialzo dei tassi.

ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA