• Redazione

L’ennesimo femminicidio 



STRAGE INFINITA/ALBANESE AMMAZZA LA MOGLIE CON TRE COLTELLATE DAVANTI AL FIGLIO

PIACENZA. Nuovo femminicidio, il 28mo del 2018, ennesimo tassello di uno strazio senza fine. Dev’essere ancora chiarito il movente dell’uxoricidio avvenuto in un’abitazione di Piacenza abitata da una famiglia di origine albanese. Un uomo, Xhevdet Meh- meti, 57 anni, ha ucciso Elca Tereziu, la moglie 52enne, in casa alla presenza di uno dei loro due figli, appena 17enne: l’ha ag- gredita con un coltello in mano, per usarlo nella maniera più feroce, per infliggerle almeno tre fendenti alla gola che non le hanno lasciato scampo. Il cadavere è stato trovato riverso sul pavimento della cucina, insieme all’arma del delitto, dalla polizia e dai sanita- ri del 118 piacentino. L’uomo, 57 anni, mentre il figlio chiamava i soccorsi, è poi scappato a piedi dall’abitazione, ma il rimorso, o anche solo la consapevolezza di quanto aveva appena compiuto, lo ha probabilmente convinto a costituirsi immediatamente nella vicina caserma dei carabinieri, con le mani ancora sporche del sangue della moglie. Ora è in stato di fermo con l’accusa di omicidio volontario. Tutto è accaduto poco dopo le 16 nell’appartamento al primo piano di viale Dante, dove la famiglia albanese abitava da qualche anno. Determinante, nella ricostruzione del delitto da parte degli agenti della squadra mobile, sarà soprattutto la testimonianza del figlio minore, che a quanto pare potrebbe aver assistito impotente alla scena. Quello che al momento è certo è che marito e moglie stavano litigando animatamente, ma non si conoscono ancora i motivi precisi, anche se qualcuno dice che il rapporto fosse deteriorato da tempo e che questo sarebbe statol’epilogo tragico di un nuovo alterco dege- nerato stavolta fino al delitto. I vicini di casa hanno sentito le grida, pare infatti che non fosse nemmeno la prima volta che accadeva. E’ stato al culmine della brutta discussione che l’uomo avrebbe afferrato un coltello, colpendo la moglie per almeno tre volte direttamente alla gola. Poi ha gettato la lama ed è scappato a piedi. Intanto sono arrivati polizia, carabinieri e 118, ma i tenta- tivi di rianimare la 52enne sono stati vani. E’ morta dissanguata. Nel frattempo il marito si è diretto a piedi nella caserma dei carabi- nieri, a poca distanza dalla loro dimora: è entrato e si è costituito. Ammettendo ciò che aveva appena fatto, l’omicidio della moglie. Il pm Antonio Colonna ha subito disposto per lui un fermo di pg per omicidio, mentre il figlio è stato portato in questura dove è stato ascoltato per un interrogatorio durato molte ore. E che dovrebbe chiarire le ragioni dell’ultimo litigio.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA