L’epidemia torna a crescere

OLTRE 11.200 CASI. SEBASTIANI (CNR): “RIPRESA DEI CONTAGI IN TUTTA ITALIA”



di Luca Battifoglia

ROMA. Torna a crescere l’epidemia di Covid-19 in Italia. I dati del ministero della Salute indicano che i nuovi casi sono stati 11.212 nell’arco di 24 ore, contro gli 8.585 del giorno precedente, ma il rapporto fra casi positivitamponi è sceso all’8,7% mentre il 28 dicembre sfiorava il 12,5%. Nelle ultime 24 ore sono infatti aumentati anche i tamponi, con 128.740 contro i 68.681 del giorno precedente. Cifre ancora molto basse per garantire il tracciamento. Ancora alto anche il numero dei decessi, pari a 659 contro i 445 del giorno precedente. Si osserva comunque anche un incremento nei guariti o dimessi, pari a 17.044. Tra le regioni è ancora il Veneto a registrare il maggiore incremento di casi, con 2.655; segue il Lazio con 1.218 casi in più in 24 ore e, a distanza, la Sicilia, con un incremento di 995 casi. Sono dati che indicano come sia in atto una ripresa dei contagi in tutta Italia, iniziata fra 10 e 12 giorni fa, come emerge anche dall’analisi condotta dal matematico Giovanni Sebastiani (nella foto), dell’Istituto per le Applicazioni del Calcolo ‘Mauro Picone’ del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr-Iac). Una ripresa, rileva l’esperto, testimoniata da un aumento nel rapporto fra i casi positivi e i casi testati (ossia il numero dei tamponi al netto di quelli fatti più volte alla stessa persona). I dati attuali sono comunque da considerare una sorta di fotografia della situazione di due settimane fa e “soltanto nella prima settimana di gennaio - osserva l’esperto - potremo vedere gli effetti delle misure restrittive entrate in vigore a ridosso del Natale, che ci si augura possano contrastare l’aumento dei casi che si sta registrando”. Per questo, secondo Sebastiani, occorre cautela prima di decidere sulla riapertura delle scuole. Quest’ultima è infatti una delle principali incognite di gennaio. “La riapertura delle scuole - osserva - se si riparte il 7 gennaio, senza conoscere ancora l’effetto delle misure di contenimento durante il periodo delle feste”. Un’altra incognita è nel fatto che gennaio, con le sue temperature più rigide, “è periodo in cui i virus veicolano di più, compresi quelli dell’influenza”. C’è poi l’incognita della trasmissibilità e del ruolo che potrebbe giocare la comparsa della cosiddetta variante inglese del virus Sars Cov2 nella diffusione dei contagi. L’analisi condotta dal matematico, basata sulla differenza percentuale tra i valori di queste grandezze rispetto ai valori di una settimana prima, indica che “il periodo di stasi registrato nella prima metà di dicembre è terminato e conferma il cambio di tendenza anche una ripresa dei ricoveri, sia nei reparti Covid sia nelle unità di terapia intensiva. La situazione a livello nazionale, osserva l’esperto, trova una conferma anche dalle analisi condotte a livello regionale. Unica eccezione è al momento la provincia autonoma di Bolzano. Il Veneto ha raggiunto il picco intorno al 20 dicembre e, mentre i ricoveri nei reparti Covid-19 sono in una fase stazionaria, nelle unità di terapia intensiva si osserva una crescita. Il rapporto casi positivcasi testati nel Lazio è aumentato dal 3% di inizio ottobre fino a raggiungere il picco a metà novembre, con il 13%, e poi è avvenuto un calo fino al minimo di fine novembre (11%) e dai primi dicembre c’è una risalita che non si ferma e che è arrivata al 23%. A inizio ottobre era al 3% anche il rapporto casi positivicasi testati in Lombardia, dove a metà novembre si è raggiunto il picco del 48%, poi c’è stata anche in questo caso una discesa che ha toccato minimo il 20 dicembre e, dopo una fase di appiattimento, la curva comincia a mostrare segni iniziali di risalita.

Post recenti