L’Inter ha 150 milioni



MERCATO/MILANESI SUPER ATTIVE, LA ROMA DEVE PUNTELLARE LA DIFESA

ROMA. Via alla rivoluzione in casa Inter e Milan, tra le più deluse dell’ultimo campionato e tra le più attive sul mercato, in attesa del via ufficiale. In attesa dell’ufficializzazio- ne del nuovo tecnico (c’è sempre SPALLETTI in pole), in casa nerazzurra si pensa a come investire il tesoretto che Suning ha intenzione di mettere a disposizione di Walter Sabatini (si parla di 150 milioni di cui la metà provenienti dalle cessioni): i nomi sono sempre gli stessi, RUDIGER, MANOLAS, PEPE, MARQUINHOS, STROOTMAN E NAINGGOLAN, BERNARDESCHI, ma nelle ultime ore si sono aggiunti anche quelli di TOLISSO e DI MARIA, sui quali c’è anche la Juve. Prima di lanciarsi nella campagna acquisti, sarà però necessario vendere entro il 30 giugno per rispettare i paletti del fair play finanziario: l’indiziato n.1 è Ivan PERI- SIC (anche se per il gioco di Spalletti sarebbe l’ideale) che ha richieste in Premier. Do- vrebbe restare a Siviglia Stevan JOVETIC: “È un giocatore straordinario e vogliamo trattenerlo”, ha detto il presidente del club andaluso. Molto più attivo il Milan, che dopo aver chiuso per MUSACCHIO e KESSIÈ (lunedì o martedì visite e firma) insiste con l’Atalanta (che ha preso il classe ’96 Haas del Lucerna) per GOMEZ (vecchio pallino di Montella ai tempi di Catania) e CONTI. In attacco tutto dipenderà da BACCA e LAPADULA, entrambi indiziati in uscita, che potrebbero spalancare la porta al grande investimento (AUBAMEYANG o MORATA, anche se sul 9 del Real c’è il pressing di Mourinho, pronto a giocarsi la carta DE GEA). Su DEULOFEU bisognerà aspettare cosa dirà il nuovo tecnico del Barcellona. Gonzalo RODRIGUEZ giocherà domani l’ultima partita con la Fiorentina: sul futuro non si è sbilanciato ma Milan e Lazio ci pensano (anche perché è a parametro zero). Il Bologna torna alla carica per CERCI (ultima stagione anonima in Liga) anche se Donadoni non si bilancia (“avrà voglia di riscatto, vedremo...”), BORRIELLO potrebbe restare a Cagliari, mentre a Firenze predomina il malumore, con la piazza contro i Della Valle, Paulo SOUSA in uscita e i pezzi forti (BERNARDESCHI, KALINIC, BADELJ) che potrebbero cambiare aria. Il mercato della Juventus prenderà corpo solo dopo Cardiff: riscattati BENATIA e CUADRADO, Marotta cercherà un colpo in attacco (DI MARIA, DOUGLAS COSTA, KEITA, LEMAR) e uno a centrocampo (TOLISSO, il sogno VERRATTI, non BERNARDO SILVA, a un passo dal City), oltre a un vice BUFFON (MERET), se dovesse andare via NETO. Lazio e Genoa studiano lo scambio LAZOVICCATALDI, ma anche DJODJEVIC, mentre il Milan insiste per BIGLIA offrendo come contropartita NIANG. PAVOLETTI e ZAPATA (di ritorno da Udine) sono destinati a lasciare Napoli, mentre a breve ci sarà un incontro per definire il futuro di GHOULAM. Per la porta si seguono SZCZESNY, PERIN, LENO e SKORUPSKI, con il polacco prima scelta. In casa Roma, Monchi saprà fra 48 ore se potrà contare sul tesoretto Champions, per puntellare difesa (LINDELOF, ZOUMA, CHRISTENSEN), centrocampo (PELLEGRINI, KLAASSEN) e attacco (DEFREL, GO- MEZ, JESUS NAVAS, in uscita dal City). Se restasse MANOLAS (“L’anno prossimo mi vedo a Roma”), l’indiziato a lasciare Trigoria sarebbe RUDIGER.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA