• Redazione

L’Inter ha mal di gol

Torna Icardi, ma la via della rete è tabù. Merito anche dell’Atalanta



SET POINT Champions rimandato. L’Inter non riesce a prendere il largo e non va oltre lo 0-0 contro l’Atalanta, si porta a 57 punti in classifica a cinque lunghezze dal Milan e dagli stessi bergamaschi, quarti ex aequo. Vincere contro il Frosinone la settimana prossima sarà fondamentale visto lo scontro diretto tra i cugini rossoneri e la Lazio, potenzialmente anch’essa a 52 punti visto che ha una partita da recuperare. L’Atalanta esce imbattuta nel doppio confronto con l’Inter, anche se è meno brillante del solito ma agguanta il Milan al quarto posto (anche se è formalmente dietro la squadra di Gattuso per gli scontri diretti) e può continuare a dire la sua nella bagarre per la volata Champions. Un punto a testa con poche occasioni, le fatiche del turno infrasettimanale si sono fatte sentire per entrambe le squadre. L’assenza di Zapata, squalificato, ha reso meno pericolosi i bergamaschi che per la prima volta in stagione arrivano al triplice fischio senza fare tiri in porta. L’Inter, confermata per dieci undicesimi rispetto alla goleada di Genova, non riesce a sfruttare le due occasioni clamorose prima con Icardi che tenta un debole pallonetto neutralizzato in uscita da Gollini e poi nella ripresa con Nainggolan che prova in scivolata a sbloccare la gara. Gli occhi erano tutti puntati sull’argentino, al rientro a S.Siro dopo due mesi d’assenza, alla prima senza la fascia di capitano. C’era attesa per l’accoglienza che i tifosi gli avrebbero riservato ma tutto sommato l’argentino ha potuto giocare con serenità, poiché gran parte dello stadio ha zittito la Nord ai primi cori contro l’ex capitano. Una partita abbastanza positiva per Icardi che ha giocato per la squadra, peccando in fase realizzativa. Male invece Perisic, beccato dal pubblico. Errori banali, stanchezza evidente e pochissime incursioni dalla sua parte. Non ha entusiasmato neppure Nainggolan escluso dall’undici titolare ed entrato al 22' per l’infortunio di Brozovic che ha rimediato una distrazione muscolare e sarà almeno out col Frosinone. Uscito il croato, l’Inter, che aveva iniziato la partita sovrastando nettamente l’Atalanta, si è spenta. Nainggolan non è al meglio e probabilmente lo aveva notato anche Spalletti che gli ha preferito Vecino. Il set point è quindi rimandato a Frosinone dove dovrebbe tornare Lautaro Martinez. Spalletti dovrà quindi scegliere tra i due argentini e ridisegnare, forse, le gerarchie nerazzurre. Perché la parola fine al caso Icardi potrebbe non essere ancora stata scritta.

ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA