L’Italia contro Stoccolma



OLIMPIADI 2026/TOKYO: PRESENTATA LA CANDIDATURA MILANO-CORTINA

TOKYO (Giappone). Stavolta i sogni nascono all’alba. Quando in Italia saranno passate da poco le sei del mattino, infatti, all’assemblea dei comitati olimpici a Tokyo la coppia Milano-Cortina presenterà al mondo la speranza italiana di organizzare le Olimpiadi invernali del 2026. Venti minuti di focus attraverso i discorsi del presidente del Coni, Giovanni Malagò, del sindaco di Milano, Giuseppe Sala, del governatore del Veneto Luca Zaia e della plurimedagliata olimpica azzurra Arianna Fontana per cominciare a formare negli 87 membri del Cio che a giugno saranno chiamati alla designazione nel ballottaggio con l’altra candidata Stoccolma, una valutazione positiva. In più, nella narrazione italiana programmata per oggi (la notte di ieri, ET), è previsto lo show di un filmato inedito (prevedibile, e anche giustificata dallo scopo, l’ostentazione di tante eccellenze, non solo sportive, del Lombardo-Veneto e degli azzurri delle discipline dei Giochi Invernali) e la ufficializzazione di un logo che inevitabilmente cita il Duomo e le Alpi, in un contesto montano cromaticamente tricolore. In queste cose, si sa, tradizionalmente l’Italia dello sport si fa valere: ma la candidatura di Milano-Cortina, alla quale si oppone solo l’enigmatica Stoccolma di questi tempi (priva di Governo la Svezia, ai minimi la municipalità della capitale, il comitato promotore scandinavo si è presentato in Giappone in versione piuttosto dimessa e non dà segnali di un cambio di marcia nel percorso di avvicinamento alla scelta di giu- gno) è forte di suo. Innanzitutto per l’aderenza ai valori etici ed economici imposti dal Cio per le Olimpiadi a venire con la cosiddetta agenda 2020. E poi per l’indubbio fascino di una coppia che prevede la città della moda e della cultura come Milano unita alle bellezza della Perla delle Dolomiti. E con l’inserimento a macchia di leopardo della Valtellina (Livigno e Sondrio, forse addirittu- ra per le discese) e dell’altoatesina Anterselva, naturale casa del biathlon. “Ma le Olimpiadi non ce le hanno ancora date - ammonisce Zaia - dobbiamo pensare di avere mille contendenti e non solo Stoccolma”. Quanto a Sala, rivendica l’eredità vin- cente dell’Expo e ammette che quella olimpica è però un’emozione-sfida unica. Ma già pensa alla cerimonia di apertura a San Siro, il sindaco, e alla riconversione del villaggio olimpico previsto vicino alla Stazione di Porta Romana, come casa dei tanti studenti che scelgono Milano per il loro percorso universitario. Malagò invece vive l’avventura con la passione che tutti - pure i nemici - gli riconoscono: magari enfatizzata da una certa voglia di rivincita per l’altalena delle emozioni che il progetto di riforma governativo per il Coni gli sta riservando. La squadra italiana, dopo una puntatain ambasciata, nella serata della vigilia si è dedicata alle pubbliche relazioni che han- no confermato, diciannove anni dopo l’ultima candidatura (peraltro vincente), il ruolo di favorita dell’Italia ad ospitare i Giochi olimpici invernali. Era infatti il giugno 1999 quando Torino conquistò la rassegna a cinque cerchi del 2006. Da allora, ci ha provato due volte Roma per l’edizione estiva: nella corsa per i Giochi 2020 fu il premier Mario Monti a dire di no, nella sfida verso il 2024 è stata la sindaca Virginia Raggi a gelare il Comitato olimpico nazionale. In entrambe le occasioni, le valutazioni economiche hanno pesato molto. Stavolta le due regioni coinvolte si sono impegnate ad affrontare direttamente le spese strutturali (370 milioni di euro per impianti di gara, villaggi atleti e stampa) di un dossier che comunque presenta costi relativamente contenuti: per l’investimento legato all’operatività, cioè alle spese relative all’attività del comitato or- ganizzatore e per l’allestimento dei Giochi (cerimonie di apertura e chiusura, spese vive per le gare) una prima stima porterebbe a meno di 1 miliardo di euro quasi interamente garantito dal contributo Cio. Il masterplan dell’ipotesi di Giochi 2026 andrà recapitato a Losanna entro l’11 gennaio, poi sono previste la visita ispettiva della commissione di valutazione Cio (marzo-aprile) e dal 5 al 10 maggio a Gold Coast l’ultima presentazione. Nella cartina a cinque cerchi comunque potrebbero rientrare i trampolini di Predazzo e il centro del biathlon di Anterselva, in Alto Adige. A Cortina verrebbero concentrati sci alpino, sport come bob, slittino, skeleton e curling, mentre in Valtellina, ipotesi discese a parte, potrebbero andare lo snowboard a Bormio, il freestyle a Livigno e lo sci di fondo a Santa Caterina. Tutto il resto a Milano, dove gli impianti del ghiaccio sarebbero quattro: due palazzetti per l’hockey, l’anello per il pattinaggio velocità e la pista per short track e pattinaggio di figura. Ma è un discorso ancora assolutamente ipotetico, perché il Cio da questo punto di vista non ha ancora in mano nulla e dunque non può avere concesso avalli. Di sicura c’è una cosa: per prendere la mano a un’Olimpiade da organizzare al risparmio, per sei mesi di candidatura prima della scelta il comitato promotore Milano- Cortina ha messo a budget meno di due milioni di euro. E al comitato olimpico internazionale stasera ne hanno preso atto con evidente compiacimento.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA