L’Italia investita da neve e gelo

MALTEMPO/VENTI FORTI DI BURRASCA SU TUTTA LA PENISOLA. EMANATI GLI STATI DI ALLERTA



GENOVA. Il Paese sta per essere investito da una importante ondata di maltempo che porterà molte regioni sotto zero con pioggia, temporali e neve anche a bassa quota. Già da sabato la Protezione civile ha emanato degli allerta, modulati secondo la 'colorazione’ stabilita da ciascuna regione, per avvertire di un sostanziale calo delle temperature, vento forte di burrasca, piogge e temporali con grandine e infine l'arrivo della neve anche a quote collinari. Il vento, assieme alla neve, sarà protagonista su tutta la Penisola: dalle prime ore di domani e per le successive 24 ore sono previsti venti molto forti con raffiche di burrasca su Liguria, Emilia Romagna (dove vige l'allerta rosso per il vento), sulle coste del Veneto e in Friuli, in Toscana e nelle Marche, Umbria, Lazio e Abruzzo, in estensione durante la giornata alla Campania e sul resto del Paese, isole comprese. Il problema più pressante riguarda le previste, abbondanti nevicate. Allerta gialla in Trentino per l'arrivo di una perturbazione nevosa. Da ieri sera e fino a tutta la giornata di oggi inizierà a nevicare a quote molto basse, fino in val d'Adige dove sono attesi dai 15 ai 30 centimetri. In montagna invece sono previsti fino a 45 centimetri di neve con precipitazioni abbondanti concentrate in poche ore. La fase più intensa della perturbazione durerà 12 ore circa. Sono previsti anche venti forti e molto forti in montagna. Dalle prime ore della giornata di oggi la neve cadrà copiosa anche in Emilia Romagna e Friuli. E neve anche in Liguria dove Arpal ha fissato in arancione il grado di allerta dalle 2 di stanotte alle 8 del mattino nel centro-levante della regione. Sono passati solo 23 giorni da quando, era il 4 dicembre, una forte nevicata mandò in tilt le autostrade in Liguria, in particolar modo la A7 Milano-Genova tra Busalla e Genova Bolzaneto, e la A26 Genova-Gravellona Toce con tir fermi in coda e automobilisti bloccati per ore e ore, tanto da rendere necessario l'intervento della Protezione civile per coordinare e gestire le operazioni di soccorso. Vicenda che è finita con uno scambio di accuse tra Regione e Aspi. Sabato Aspi ha annunciato di aver già attivato il cosiddetto 'pia- no-neve’: la concessionaria si aspetta nevicate lungo i tratti autostradali di Liguria, Piemonte, Lom- bardia, Emilia, Veneto e Friuli con l'interessamento di circa mille km della rete gestita da Aspi. Per questo Autostrade per l'Italia ha annunciato che già da ieri è attiva la macchina operativa con l'impiego di circa 800 mezzi e circa 1200 risorse impegnate nelle operazioni antineve. Non è escluso che, in accordo con il Piano Neve e d'intesa con la Polizia Stradale, nell'arco della mattinata di oggi sia disposto il divieto temporaneo di circolazione per i mezzi con massa complessiva superiore a 7,5 t lungo i tratti gestiti da Autostrade per L'Italia.