L’obiettivo è l’Europa


Juventus/Il direttore generale svela: “La Champions non è solo un sogno”


TORINO. Nè un sogno, nè una ossessione, ma “un obiettivo che vogliamo assolutamente raggiungere”. Beppe Marotta non nasconde l’ambizione della sua Juventus che, dopo i colpi di mercato di questa estate, è pronta a di- ventare grande anche in Europa. “Ogni qual volta la Juventus partecipa ad una competizione ha l’obbligo di provare a vincere”, rincara la dose il dirigente bianconero in una intervista a Jtv alla vigilia della ripresa del campionato col Sassuolo. Con l’ex giallorosso Pjanic pronto a fare il debutto. La critica ha consacrato i campioni d’Italia come i migliori anche sul mercato, e Marotta non lo nega. “Siamo soddisfatti: anche se magari qualcosa non è andato come speravamo, abbiamo raggiunto tanti obiettivi che avevamo in testa”, dice ringraziando il ds Paratici, il presidente Agnelli e il vicepresidente Nedved. “La rosa è competitiva, più forte di quella dell’anno scorso”, sostiene, senza escludere nuovi innesti a gennaio. “Speriamo di non comprare nessuno, significherebbe che le cose non sono andate molto bene - è il suo auspicio -. Però l’obiettivo della Juventus è quello di rinforzarsi sempre ed il dovere dei suoi dirigenti è quello di cogliere le opportunità”. Peccato per la cessione di Pogba - “mai avremmo voluto venderlo, ma abbiamo seguito il desiderio del ragazzo” - e per il mancato arrivo di Witsel, una operazione “soltanto rinviata”, ma sono arrivati tanti campioni. Primo fra tutti Higuain, “che sarebbe arrivato a prescindere dalla cessione” del francese. “È un processo evolutivo iniziato nel 2010 - osserva ancora Marotta -. Da allora tutte le risorse della società sono state incrementate al massimo per consentire al- l’area sportiva di fare degli investimenti”. Guai però pensare di avere già vinto. “Quest’anno siamo partiti bene, ma non è logico trarre già delle conclusioni - ammette il dirigente -: l’anno scorso siamo partiti malissimo e poi abbiamo recuperato”. L’esclusione di Lichtsteiner dalla lista Champions è legata solo a “logiche tecniche sottolinea l’amministratore delegato - in quel settore abbiamo Cuadrado e Dani

Alves per cui allenatore e società hanno deciso di escluderlo. Non è stato un provvedimento disciplinare, siamo grati per quello che Lichtsteiner ha fatto”, aggiunge Marotta, che ricorda come il giocatore elvetico, accostato all’Inter negli ultimi giorni di mercato, abbia il contratto in scadenza, ma la Juventus abbia “un diritto unilaterale di prelazione per il prolungamento di un anno dell’accordo”. “In questa fase non può partecipare alla Champions - conclude Marotta a proposito di Lichtsteiner - ma nell’economia della stagione ci sono tanti altri traguardi”. Sotto dunque con il Sassuolo, che dovrebbe rappresentare il debutto in bianconero per un altro big arrivato in estate. Miralem Pjanic ha infatti recuperato dall’infortunio rimediato nell’ultimo test di Villar Perosa, prima del via al campionato, e si candida ad una maglia da titolare. “Ora sto bene, spero di iniziare a giocare da sabato - sono le parole del centrocampista al termine della vittoria per 5-0 della sua Bosnia sull’Estonia - Ci attende un ciclo di gare molto importante, giocheremo ogni tre giorni: spero di esserci sempre. In Champions l’importante sarà passare il turno, una squadra come la Juventus deve puntare a confermare i titoli dello scorso anno in Italia cercando di andare avanti in Europa. Vo- gliamo fare il massimo....”.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA