L’Ue chiederà la manovra bis

BRUXELLES/IL GOVERNO VUOLE EVITARLA, MA RISCHIA LA PROCEDURA D’INFRAZIONE



di Serenella Mattera

BRUXELLES. La richiesta di una manovra correttiva da parte dell’Ue e insieme l’assedio dei mercati. A urne chiuse, nel bel mezzo di una fase politica di grande fibrillazione, è questo lo scenario che il governo gialloverde si trova ad affrontare. Nei prossimi giorni arriverà una lettera a Roma che dovrebbe certificare uno scostamento rispetto agli obiettivi europei di ben 11 miliardi. Jean-Claude Juncker lo anticipa a Giuseppe Conte, in un colloquio a margine della cena dei leader Ue, a Bruxelles. Il 5 giugno, con ogni probabilità, verrà richiesta all’Italia una correzione dei conti se vuole evitare che scatti la procedura d’infrazione per debito eccessivo. Il premier, con il ministro Giovanni Tria, proverà a trattare per scongiurarlo. Ma Matteo Salvini parte all’attacco. Chiuse le urne per le europee, i mercati tornano in fibrillazione. Lo spread dell’Italia sfiora i 290 punti, per poi chiudere in leggero rialzo rispetto a lunedì, a 284. “C’è qualcuno che ha convenienza a tenere il governo italiano vincolato a regole vecchie, che tengono il Paese sotto scacco”, attacca Salvini, in una diretta Facebook dal tetto del Viminale. Poi non solo, dando segno di non curarsi della necessità di trovare 23 miliardi solo per evitare l’aumento dell’Iva, rilancia la proposta di una flat tax da ben trenta miliardi. Ma riparte lancia in resta contro le regole europee. Tanto da lanciare la proposta di una “grande conferenza intergovernativa europea su lavoro, crescita, investimenti, debito pubblico e sul ruolo della Banca centrale europea”. La Bce, secondo Salvini, deve diventare garante “di benessere”, con iniezioni di finanziamenti agli Stati, e “ga- rante del debito”. Resta, sottotraccia, la minaccia di rispedire al mittente la richie- sta Ue di correggere i conti.

Il leader della Lega, che lavora in questi giorni per rafforzare il suo peso nel Parlamento europeo, prova a mettere in primo piano la proposta di cambiare alla radice le regole europee, sapendo di avere contro anche alcuni dei suoi alleati “rigoristi”. Silvio Berlusconi, dopo aver incontrato i leader del Ppe, avverte Salvini che, alzando i toni, rischia solo di andare a sbattere: sarà Juncker, attaccato a più riprese dalla Lega, a gestire il dossier ita- liano almeno fino all’autunno.Pierre Moscovici, che è in contatto continuo con Tria, spiega che “misure aggiuntive potrebbero essere richieste” subito, mentre le sanzioni sono uno scenario che si cerca di evitare. Il commissario pre-annuncia insomma la richiesta di una “ma- novrina”, che alcune fonti quantificano intorno ai 5 miliardi, con parole che per ora hanno l’effetto di frenare lo spread. A placare gli ardori salviniani prova invece Conte.

Il premier spiega che rivedere il mandato della Bce “è uno dei dossier aperti”. Ci vorrà tempo. Nell’immediato Palazzo Chigi lavora per rispondere alle richieste che arriveranno da Bruxelles. Il presidente del Consiglio lunedì ne ha discusso in una riunione con il direttore generale del Tesoro Alessandro Rivera e il Ragioniere dello Stato Biagio Mazzotta, con Tria collegato in teleconferenza. Il governo è convinto di aver dato già alcune risposte nel Def: da parte, ricordano dal governo, ci sono ancora i due miliardi congelati dalla manovra e pronti a diventare tagli. In più si sottolineeranno l’andamento dell’economia migliore delle previsioni, i risparmi stimati da misure come il reddito di cittadinanza e quanto si sta facendo su evasione e spending review. Quando arriverà la lettera della Commissione, il governo avrà due giorni per rispondere. Juncker ne anticipa le linee a Conte, nel colloquio di Bruxelles: la Commis- sione perfezionerà le sue richieste in una riunione prevista nelle prossime ore. Da lì partirà un negoziato che passerà da una possibile correzione dei conti per evitare le sanzioni. Ci lavoreranno Conte e Tria, come per la manovra, ma Salvini questa volta potrebbe rovesciare il tavolo.