La “DeathStar”diLongo



ARTE BASEL/40 MILA PALLOTTOLE CONTRO I MORTI PER ARMI DA FUOCO, LA DENUNCIA DELL’ARTISTA AMERICANO

NEW YORK. Una “Death Star” da 40mila pallottole, il numero dei morti per armi da fuoco negli Usa nel 2017: con una scultura dalla potente carica emotiva l’artista americano Robert Longo porta alla ribalta di Art Basel uno dei temi caldi della politica americana. “Rabbia e impotenza sono diventate ormai la mia ragione di essere”, ha spiegato a ArtNetNews l’artista americano del foto-realismo diventato famoso nell’era di Ronald Reagan: “Non riesco ancora a credere che questo schifo stia succedendo davvero, e penso che quest’ultima opera offre un senso di espiazione”. La sfera è esposta nella sezione “Unlimited” della 49esima fiera internazionale dell’arte di Basilea che questa settimana attirerà nella città svizzera decine di migliaia di visitatori con 290 gallerie da 35 Paesi. Con la “Death Star 2018” di Longo, l’area “Unlimited” ospita altre opere ad alto contenuto politico come l’installazione dell’artista bulgaro Nedko Solakov “Mi manca il socialismo, forse...” e “Senza titolo 2015 (Bangkok boogie boogie no.1) di Rirkrit Tiravanija, ispirato alle protestepolitiche nella capitale tailandese. La scultura sferica dell’americano - oltre due metri di diametro - è presentata tutta sola, sospesa nell’aria, in uno spazio interamente dipinto di grigio. Vista a distanza la sfera irradia luce: grazie a faretti strategicamente posizionati, il suo bordo esterno evoca un’eclissi solare. Solo quando si avvicina, il visitatore si accorge dei 40 mila proiettili di rame incastonati sulla superficie. “Come dare forma materiale a questa folle astrazione artistica?”, si era chiesto Longo di fronte alla spirale di violenza alimentata dal libero commercio delle armi in America. L’idea era di creare “da un fenomeno orribile qualcosa che fosse esteticamente bello e allo stesso tempo invitasse a riflettere”, ha spiegato l’artista. La Death Star è la seconda creata da Longo in 15 anni: la prima, oggi nelle collezioni di un museo di Buffalo nello state di New York, era stata creata con 18 mila pal- lottole per simbolizzare lo stesso numero di morti da arma da fuoco nel 1992. A differenza della prima, le munizioni stavolta non sono quelle nere delle pistole: “Death Star 2018” è composta da bossoli di fucili da assalto automatici come gli AK-47 che, nelle stime di Longo, “hanno ucciso più gente nel mondo di qualsiasi comune bomba”.


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA