La Fiorentina riparte

SERIE A/I giocatori viola hanno ripreso ieri gli allenamenti nonostante i nuovi contagi



FIRENZE. La Fiorentina ha riaperto il Centro sportivo 'Davide Astori' per le visite di idoneità e permettere allenamenti individuali facoltativi, tutto questo malgrado i sei nuovi casi di positività (tre calciatori e altrettanti componenti dello staff tecnico-sanitario) riscontrati dopo i test e i tamponi effettuati mercoledì. Dodici i giocatori (e un altro gruppo è atteso domani) che a scaglioni si sono presentati da ieri mattina alla struttura sanificata di nuovo qualche giorno fa: Pulgar, Terzic, Benassi, Badelj, Castrovilli, Chiesa, Milenkovic, Dalbert, Duncan, Igor, Pezzella e Vlahovic, quest'ultimi due guariti un mese fa dal contagio accusato a inizio marzo. ''Il tampone ha dato adesso esito negativo, sto bene e rispetto le regole stando ancora a casa - ha dichiarato il giovane attaccante serbo a Rai 2 - Non so se ripartirà il campionato, la salute viene avanti a tutto. Di sicuro non solo per me ma per tutti coloro che hanno contratto il virus non sarà facile tornare in forma. Comunque mi sto allenando per farmi trovare pronto se tut- to ricomincerà, questo è il nostro lavoro''. Alcuni, come lo stesso Pezzella che su Instagram ha postato una sua foto con guanti e mascherina, hanno svolto una leggera sgambata sulla porzione di campo assegnata, senza però utilizzare spogliatoi e palestra e indossando propri indumenti sportivi. Fra i presenti al centro sportivo il dg Barone, il ds Pradè e il responsabile sanitario del club viola Luca Pengue, pure lui colpito a marzo dal virus: la Fiorentina ha tenuto a far sapere che anche i familiari conviventi dei giocatori sono stati sottoposti a esami a domicilio. Test sierologico e tampone ieri pomeriggio anche per Franck Ribèry appena rientrato a Firenze con l'aereo privato da Monaco di Baviera dove da inizio marzo ha trascorso con la famiglia il periodo di lockdown.