La Juve arretra, avanza il Milan

MONEY LEAGUE/BIANCONERI FUORI DALLA TOP 10 DEI “PAPERONI D’EUROPA”



ROMA. Il Real Madrid torna ad occupare il vertice della classifica dei 20 club più ricchi del mondo, posizione che mancava dal 2014-'15, con un fatturato pari a 750,9 milioni di euro nel- la stagione 2017-'18. E' quanto emerge dal report Deloitte Football Money League, giunto alla 22/a edizione. Sul podio anche Barcellona (690,4 milioni) e Manchester United (666). Quattro (una più dell'anno scorso) le squadre italiane: Juventus, Inter, Roma e Milan, con i bianconeri che retrocedono dalla 10ma all'11ma posizione ed un fatturato di poco inferiore ai 400 milioni. Nonostante la discesa dello United (da primo a terzo), la Premier League domina con sei squadre nella Top 10: Manchester City (quinto), Liverpool, Chelsea, Arsenal e Tottenham dal 7mo al 10mo posto. Il Real registra una crescita superiore ai 75 milioni, anche grazie alla terza vittoria consecutiva in Champions League. Ma soprattutto ringrazia l'aumento dei ricavi commerciali (+54,8 milioni) inclusi gli aumenti di sponsorship, merchandising e gli incassi per le partite amichevoli.Con 356,2 milioni, il Real attualmente ha i ricavi commerciali più elevati al mondo. Le 20 società con i fatturati più alti hanno generato in totale ricavi pari a 8,3 miliardi (+6%). La classifica evidenzia come i primi tre club più ricchi dell'ultima stagione abbiano generato ricavi per 2,1 miliardi, più che raddoppiando il dato delle prime tre squadre in classifica 10 anni fa (stagione 2007-2008). I diritti radiotelevisivi sono la voce principale del fatturato, pari al 43%, anche se, in proporzione, aumenta la percentuale derivante dagli accordi commerciali (ora rappresentano il 40% rispetto al 38% dell'anno passato). Per la prima volta dal 2011- '12 la Juventus non compare tra le prime 10, con un fatturato sotto i 400 milioni (394,9). In termini finanziari però - sottolinea lo studio - non si vedono ancora gli effetti dell'operazione Cristiano Ronaldo. Al 14mo posto sale l'Inter, che migliora di una posizione e mantiene il trend in crescita degli ultimi tre anni. Il cambio di proprietà nel 2016 e la conseguente maggiore visibilità del marchio nel continente asiatico, abbinati alla qualifica- zione alla Champions League 2018-2019, hanno dato un impulso al fatturato del club, cre- sciuto di 18,7 milioni (280,8). Le prestazioni in campo europeo si confermano una spinta chiave: è il caso della Roma, che grazie alle ottime prestazioni nella passata Champions (elimizione in semifinale ad opera del Liverpool) ritorna in classifica (l'anno passato non figurava tra le Top 20) e si posiziona alle spalle dell'Inter al 15mo posto con 250 milioni di fatturato e un sostanzioso +78,2 milioni. Nel 2017- 2018 la campagna d'Europa ha infatti fruttato alla Roma ben 83,8 milioni. Torna nella Money League il Milan (18mo posto) con un miglioramento di 16 milioni (totale 207,7). Assente il Napoli che lo scorso anno occupava il 19mo posto e che, complice la riduzione di ricavi, scivola al 21mo.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA