• Redazione

La JUVE gioca pesante



L’ANTICIPO/Allegri: “Siamo una squadra diversa dal Napoli, puntiamo solo al risultato"

TORINO. Il risultato, le vittorie, prima del gioco. Il duello per lo scudetto tra Juventus e Napoli si gioca anche a chiacchiere. Trop- pe secondo mister Allegri, che battendo il Chievo stasera ha la possibilità di superare la squadra di Sarri, impegnata domani col Bologna. “Quel che conta è portare a casa il risultato”, è la filosofia del tecnico bianco- nero, che nega di essere infastidito da chi continua a sottolineare il gioco migliore dei napoletani. “Siamo una squadra diversa”, dice. E basta.A guardare i risultati ottenuti sin qui, del resto, anche al Napoli è capitato di vin- cere senza brillare. “Sono un mare di chiacchiere, alla fine quello che conta è portare a casa il risultato”, ribadisce Allegri. Che si complimenta con Sarri, perché “oltre al bel gioco sta ottenendo anche ottimi risultati”. Il marchio di fabbrica, nonostante i tentativi di imitazione, resta però quello della Juventus: “Speriamo non imparino velocemente”. I veri problemi arrivano piuttosto dall’infermeria. Capitan Buffon è tornato in gruppo, e sarà titolare martedì in Coppa Italia. Il recupero di Dybala, come quello di Marchisio e Howedes, procedono come da programma. Preoccupano, invece, le condi-

zioni di Cuadrado, da alcune settimane alle prese con un dolore inquinale. La pubalgia del colombiano “sarà valutata lunedì in Ger- mania, così capiremo se dovrà essere operato o se potrà continuare con le terapie”. Un boccone duro da tirare giù. Oggi la Juve dovrà farsi trovare pronta contro il Chievo, a cui “ultimamente sono mancati i risultati, non le prestazioni”. I clivensi sono reduci dai 5 gol incassati con la Lazio, particolare che turba la serenità di Allegri: “Quando subisce tanti gol nel match precedente, reagisce sempre con un’ottima partita”. Si spiegano così, secondo Allegri, i due pareggi strappati contro la Roma e contro il Napoli. “Noi domani abbiamo solo un risultato, quello di vincere per allungare sulle inseguitrici e stare in scia al Napoli”. Compito che “non sarà semplice, servirà una partita buona a livello mentale” per contrastare fisicamente il Chievo, “prima nei duelli aerei nel campionato italiano e che sfrutta bene le palle inattive, quindi c’è da fare una partita seria”. Al centro dell’attacco ancora Higuain, a secco dal primo dicembre ma non per questo in crisi. “Nessuna sveglia, non ne ha bisogno visto che si sacrifica, lavora, gioca per la squa- dra, ritornerà al gol presto”.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA