La Juve vince senza soffrire



SERIE A/BIANCONERI MICIDIALI: 2 GOL IN 25’ EVADONO LA PRATICA SASSUOLO

Vince senza soffrire la Juve e, sfruttando il passo falso della Roma, allunga nuovamente (+4 sulla seconda e con la partita col Crotone da recuperare). Il Sassuolo dura poco, i bianconeri sono micidiali nei primi 25' come già contro Lazio e Milan. Dopo aver incassato il raddoppio bianconero la squadra di casa esce praticamente di scena senza riuscire a reagire davanti ad una Juve superiore in tutto e per tutto ai propri avversari. Allegri schiera sulla linea difensiva Lichsteiner, Bonucci, Chiellini ed Alex Sandro. A centrocampo agiscono Khedira e Pjanic, mentre Cuadrado, Dybala e Mandzukic spaziano alle spalle di Higuain. Sassuolo speculare ai bianconero con il 4-2-3-1 alternativa al solito 4-3-3. Linea difensiva con Antei inventato terzino destro, a sinistra Peluso, con Cannavaro e Acerbi in mezzo Sulla linea mediana Aquilani e Mazzitelli, dietro a Matri, Berardi Pellegrini e Politano. La Juve parte subito forte, al primo minuto conquista il primo angolo. Al 5' Bonucci perde palla, Aquilani se ne impossessa ma non riesce a concretizzare. Sul capovolgimento di fronte Higuain prova a calciare verso la porta di Consigli, ma la mira del bomber non è la migliore. Vantaggio bianconero al 9': tacco smarcante di Mandzukic perAlex Sandro che si invola sulla sinistra. Cross perfetto per Higuain che anticipo Acerbi e con un tocco di grande precisione fredda Consigli. 15ma rete per l'argentino. La Juve continua a pressare: al 21' Mandzukic mette in mezzo, dalle retrovie arriva ancora Higuain che manda di poco a lato. A metà tempo il raddoppio bianconero: DybaLa fa un velo sopraffino sull'assist di Higuain, dalle retrovie irrompre Khedira che batte Consigli senza grandi difficoltà sorprendendo la difesa di casa. La Juve insiste: al 28' punizione dalla lunetta: Pjanic calcia ma la sfera va sulla barriera. Il Sassuolo prova ad uscire dal guscio, con Berardi che colpisce altissimo al 42'. La seconda frazione di gioco vede la Juve partire forte, al primo minuto Mandzukic va via ad Antei con una serie di finte ma alla fine la difesa sassolese allontana. Juve vicina al terzo gol all'8' con Paulo Dybala, che colpisce il palo. Al 12' il Sassuolo ha l'occasione per accorciare le distanze con Matri, ma Buffon sventa il pericolo. Di Francesco butta nella mischia Duncan al posto di Mazzitelli e Defrel per Pellegrini. I bianconeri continuano a premere sull'acceleratore andando vicini al terzo gol con Mandzukic, che in area di rigore calcia altissimo a venti minuti dalla fine. Di Francesco finisce i cambi con l'ingresso sul terreno di gioco di Ragusa al posto di Matri. Al 31'Allegri opera il primo cambio: fuori Dybala e dentro Pjaca, l'argentino non gradisce e non stringe la mano ad Allegri, a favore di telecamere. "E' arrabbiato, lo voglio sempre cosi'", smorzerà i toni il tecnico. Entra anche Rincon per Cuadrado. Finale senza sussulti con la Juve che esce dal Mapei Stadium con tre punti, faticando meno del previsto.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA