“La mamma non mi vuole”

TORINO/BIMBO SALVATO DAGLI AGENTI MENTRE VAGA SOLO PER STRADA, POI LA TERRIBILE SCOPERTA


TORINO. "Ho otto anni, sto cercando i miei parenti perché la mia mamma non mi vuole più". Gli agenti della polizia municipale di Carmagnola, cittadina di 30 mila abitanti immersa nelle campagne fra Torino e Cuneo, sono rimasti di sasso quando han- no sentito le prime parole del bambino: un soldo di cacio che camminava lungo una strada provinciale, nel gelo del 23 dicembre, con addosso un maglioncino di lana e nient'altro.

Tra le automobili che sfrecciavano e rischiavano di investirlo a ogni passo. Finché qualcuno non ha dato l'allarme. Era difficile, difficilissimo credere a quel racconto. Ma le indagini hanno dimostrato che il bimbo non mentiva.

La madre, una rom bosniaca di 38 anni, è stata rintracciata in un campo nomadi vi- cino a Chieri, a 25 km. Non vive con il padre del ragazzino, divide la roulotte con un nuo- vo compagno e ha fatto sapere che non vuole riprendere il figlio con sé: "Dopotut- to - ha sostenuto - abita con i nonni da un bel pezzo". Ne ricaverà una denuncia per abbandono di minore. Sono bastate poche ore, a Carmagnola, perché intorno al bimbo si scatenasse, nella massima riservatezza,


una gara di solidarietà. "È un ragazzino tenerissimo e tranquillo - riferisce il sindaco, Ivana Gaveglio, eletta in una lista di centrodestra - ed è diventato la mascotte della polizia municipale. In tanti si sono prodigati per procuragli cibo, vestiti e cose di prima necessità.

È intervenuta anche la Caritas. Ora si trova in una casa protetta. Attendiamo le determinazioni del tribunale per i minorenni".

Nelle scorse settimane, sono stati svolti accertamenti. Il padre naturale del bimbo è un bosniaco, coetaneo della madre, che attualmente dovrebbe trovarsi da qualche parte in Campania. Esiste un certificato di nascita rilasciato da Maddaloni, Comune della provincia di Caserta e nient'altro. A scuola, da quanto risulta, non è mai stato mandato. "È una storia da spezzare il cuore", dice Gaveglio. "Ora - sottolinea - l'importante è che stia bene. Nella casa in cui è stato portato si sente accettato e inserito. Questo è positivo. Eppure, con tutta la buona volontà e tutto l'ottimismo di cui siamo capaci, non possiamo nasconderci il fatto che il suo percorso, in futuro, sarà in salita. Bisognerà dotarlo degli strumenti per affrontarlo".

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA