La Marina: la “Alpino” alla ricerca dei dispersi



LO SKIPPER ITALIANO SCOMPARSO DA MERCOLEDÌ A LARGO DELLE AZZORRE

GENOVA. "La Farnesina, attraverso l'Ambasciata d'Italia a Lisbona, sta compiendo ulteriori passi sulle Autorità portoghesi affinché possano riprendere le ricerche dell'imbarcazione a vela con a bordo i due italiani". In concreto, ha comunicato poi la Marina, la nave Alpino della Marina Militare farà oggi e domani, nell'ambito di un transito programmato in quelle acque, un'ulteriore ricerca con impiego elicottero di bordo in relazione al naufragio dell'imbarcazione Bright, presumibilmente avvenuto il 2 maggio a 300 miglia a oriente delle Isole Azzorre, dove viaggiavano lo skipper Aldo Revello, e l'amico e skipper Antonio Voinea . "Il Portogallo è informato - ha fatto sapere la Marina - che la nostra iniziativa è su base di non interferenza ma mirata a ottimizzare l'intervento dato il transito della nostra unità". Un’azione quella di Farnesina e Marina, che sembra 'rispondere' al disperato appello di Rosa Cilano, moglie di Revello. dopo che le ricerche erano state sospese sabato. "Ci sono infiniti casi di persone che sono sopravvissute su una zattera anche oltre 70 giorni. Faccio appello al Governo e al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella perché facciano pressioni sulle autorità portoghesi per continuare a cercare Aldo e Antonio", aveva detto Rosa Cilano ricordando che "al nostro fianco ci sono velisti esperti come Giovanni Soldini e altri: sostengono che potrebbero trovarsi su una zattera anche in una zona diversa, portati dalle correnti". La zattera del Bright, la barca a vela con la quale i due skipper stavano rientrando in Italia dai Caraibi, ha "ami per pescare e dà la possibilità di sopravvivere a 10 persone. Continuate le ricerche, l'Italia ci aiuti. Ci sono una bimba di 4 anni e una ragazza di 17 (le due figlie di Aldo Revello, ndr) che stanno aspettando il papà". "Non so se allo stato

attuale ci sia una seconda indagine per speronamento aperta in Portogallo, con la verifica di tutte le imbarcazioni che sono passate nel luogo in cui la barca a vela Bright ha lanciato il segnale di allarme - ha detto ancora Rosa Cilano -. Ci sono indagini in corso perché ovviamente ci sono dubbi su quanto possa essere successo. Verificare le rotte di altre navi penso sia una prassi".

La donna ha detto di esser convinta che i due siano sopravvissuti: "Sono sulla zattera del Bright" ha ribadito. All'appello di Cilano si aggiunge quello del sindaco di Castelnuovo Magra Daniele Montebello: "Qui c'è una comunità che aspetta che Aldo torni a casa. Faccio appello al Presidente della Repubblica e alla Farnesina perché eserciti tutte le pressioni affinché le autorità portoghesi proseguano le ricerche. Se fosse successo in Italia noi avremmo fatto di tutto per giorni per cercare uomini dispersi in mare".