La notte più cupa della movida toscana


VIOLENZE SULLE DONNE/ NUOVI CASI A FIRENZE


FIRENZE. Una nuova violenza sessuale si sarebbe consumata a Firenze e ancora una volta ai danni di una giovane statunitense. La vittima, questa volta, non è una delle tante studentesse che arrivano in riva all'Arno per passare un periodo nelle sedi italiane delle loro università, ma una turista di 24 anni arrivata da pochi giorni con due amiche.

Domenica sera aveva deciso di andare a divertirsi in una delle discoteche più note del centro, lo Yab. Qui avrebbe conosciuto un giovane straniero e con lui, dopo aver bevuto diversi cocktail e ballato per diverse ore, si sarebbe allontanata. Una volta rientrata al bed and breakfast, dove con le amiche aveva preso una stanza, ha raccontato a loro,

in lacrime, di essere stata violentata. Sono state proprio le amiche a chiamare il 118 e poi i carabinieri. Per la ragazza, portata al pronto soccorso, è scattato il codice rosa mentre i militari hanno avviato le indagini sentendo, nel pomeriggio le amiche e poi, con tutte le cautele del caso, la stessa giovane. Non è chiaro neppure dove sarebbe avvenuta la violenza sessuale, se in strada, ad esempio, o all'interno dell'androne di un palazzo.

I carabinieri hanno cominciato la ricerca delle immagini delle telecamere della discoteca e di quelle di sicurezza della città

per verificare il racconto della giovane e individuare lo straniero che, sempre secondo le amiche, l'avrebbe accompagnata ieri, verso le 6.00, fino al B&b.

Se il racconto della ragazza troverà riscontri si tratta di un nuovo episodio che arriva a poco più di un mese dalla denuncia

di due studentesse, sempre statunitensi, che nella notte tra il 6 e il 7 settembre sarebbero state violentate da due carabinieri che, con l'auto di servizio, le avevano accompagnate fino a casa da un'altra discoteca.

Anche in questo caso le due giovani, 19 e 21 anni, avevano bevuto numerosi cocktail nel locale prima di uscire con i militari. Sempre a Firenze, nei giorni scorsi, un'altra giovane ma questa volta italiana, avrebbe subito molestie da parte di un gruppo di ragazzi "italiani, saranno stati 25, tutti ubriachi", mentre passeggiava in una strada del centro intorno alle 23.30. A raccontarlo è stata la stessa giovane sul suo profilo di facebook. E lo ha fatto soprattutto per ringraziare "l'unica persona" intervenuta per salvarla, un venditore abusivo di rose di origine bengalese. La giovane scrive che solo grazie a lui può raccontare questa storia e invita tutti a ripensare la loro opinione sugli stranieri. Ma, soprattutto, rivolge un appello alle donne perchè "noi tutte dovremmo trovare la forza di dire ciò che ci accade, anche se proviamo vergogna, dobbiamo trovare il coraggio parlare, per essere solidali e per non abituarci a questa mentalità machista e per liberarcene", conclude nel post in cui campeggia anche la foto del bengalese.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA