La rincorsa del Palermo



SERIE B/STELLONE: “NON MI ASPETTAVO IL PRIMO POSTO COSÌ PRESTO”

PALERMO. Tre vittorie di fila, tre gol rifilati al Pescara e primo posto in solitario. È stata una serata perfetta quella di ieri per il Palermo che si è aggiudicato lo scontro diretto sorpassando gli abruzzesi al comando della classifica della serie B. Fra i primi a festeggiare il successo dei rosanero c’è stato il sindaco Leoluca Orlando che su Twitter ha parlato di “orgo- glio rosanero per la grande vittoria e vetta della classifica”. Parole spese prima ancora che l’allenatore del Palermo Roberto Stellone dicesse la sua sulla vittoria. “Sono felicissimo - dice Stellone - per la prestazione e la vittoria ottenuta con grande spirito di sacrificio. Sapevamo che non sarebbe stato semplice affrontare il Pescara. Siamo stati attenti e bravi nelle ripartenze come in occasione del gol di Puscas. Abbiamo concesso poco, forse più del solito in fase di palleggio, ma come tiri in porta anche stavolta ne abbiamo fatti di più noi. Falletti, Trajkovski, Puscas e Nestorovski hanno fatto una partita di grande sacrificio. Bravi tutti, anche chi è entrato a partita in corso si è fatto trovare pronto”. Il Palermo ieri sera si è ripreso il primo posto. Una posizione che Stellone non si aspettava di riconquistare così in fretta. “Quando ho accettato il ritorno a Palermo - sottolinea l’allenatore - ho ritrovato una squa- dra migliorata sotto diversi aspetti. Ma non pensavo in così poco tempo di conquistare il primo posto. È merito dei ragazzi che hanno fatto grandi cose e che mi mettono in difficoltà nel fare le scelte di formazione. Ho già adesso il dubbio su chi schierare e chi lasciare fuori alla prossima partita. La cosa positiva è che chiunque vada in campo fa bene”. Fra i protagonisti della partita di ieri Giuseppe Bellusci, autore di interventi decisivi dentro e fuori dalla sua area di rigore. “Lo spirito di sacrificio fa la differenza - dice - la squadra è compatta e unita. Complimenti al Pescara che ha fatto un buon possesso palla, ma siamo stati cinici in contropiede. Abbiamo voglia di non prendere gol, c’è attaccamento alla maglia e vogliamo vincere il campionato: questo fa la differenza. Il campionato è lungo, ci sono tante partite, la B è complicatissima: queste non sono decisive ma sono comunque partite importanti. Io terzino? Lo avevo già fatto, ho dato il massimo, non è il mio ruolo, ma mi adatto e mi metto sempre al servizio della squadra”. Bellusci commenta anche gli striscioni di ringraziamento dei tifosi del Pa-lermo a quelli del Catania dopo i messaggi di cordoglio per le vittime del maltempo che ha colpito il Palermitano. “La rivalità dice l’ex difensore del Catania è solo calcistica, di persone intelligenti ce ne sono in entrambe le città. Quando avvengono vicende tragiche, la Sicilia fa bene a ri- spondere e unirsi in un abbraccio. Nella vita di tutti i giorni i tifosi hanno dimostrato maturità, il calcio è una cosa a parte”. Ilija Nestorovski ha affidato a Facebook, invece, il suo commento dopo la vittoria. “È vero - scrive il capitano del Palermo - è la chiave per aprire la porta che ci porterà lì dove questa società merita di stare, ma non è la classifica che ci interessa, si lavora dura- mente ogni giorno per essere sempre più coesi, sempre più un corpo che si muove in modo armonico. Se una parte del corpo soffre, tutto il corpo ne risente: ognuno di noi ha un compito da portare a termine, fare in modo che nessuno possa far male a nes- suna parte del corpo. Siamo legati dentro saldamente e lo abbiamo dimostrato sul campo, tutti uniti verso lo stesso obbiettivo”.


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA