La Roma ridiventa spietata


SERIE A/I GIALLOROSSI BATTONO IL PARMA E SI RIAVVICINANO ALLA ZONA CHAMPIONS


SECONDO SUCCESSO in pochi giorni per la Roma, che riavvicina la zona Champions. Dopo lo stop con la Juve la formazione di Di Francesco aveva superato il Sassuolo e ieri il Parma per 2-0, con una prestazione intelligente e senza mai rischiare, nonostante il buon momento degli emiliani. Gara dominata dai giallorossi sin dal primo minuto anche se il Parma, fino alla rete del vantaggio, aveva controllato con la solita buona prestazione difensiva ed andando vicinissimo al vantaggio con Siligardi. Poi la rete di Cristante ha obbligato i padroni di casa a osare di più e la Roma così ha avuto buon gioco andando ancora a segno con Under ed inanellando diverse altre occasioni gol. A parziale scusante del Parma l'assenza, pesante, di Inglese. L'autore del gol partita di Firenze era in dubbio per problemi fisici e alla fine D'Aversa lo ha dovuto mandare in tribuna. In campo però non c'era il suo sostituto naturale, Ceravolo, ma Gervinho spostato al centro con Biabiany e Siligardi in supporto pronti a colpire dagli esterni. Attesissimo l'ivoriano. L'ex romanista, risparmiato con la Fiorentina, è l'uomo su cui puntava il Parma ma alla fine non è riuscito nell'intento di affondare come al solito fra le maglie difensive avversarie. Di Francesco invece si è affidato a Dzeko con al fianco Under e Kluivert; solo panchina questa volta per Perotti e Schick. Scelte azzeccate con la Roma che parte subito bene. Al 4' Zaniolo trova lo specchio della porta ma Sepe in tuffo para; otto minuti più tardi Cristante devia un calcio d'angolo ma sul lato opposto Dzeko è in ritardo di un soffio e non riesce a ribadire in rete. Sempre Cristante al 16' ci prova dal limite, conclusione potente ma alta. Al 28' la sola occasione, d'oro, per il Parma. Siligardi approfitta dell'unica sba- vatura difensiva della Roma e può andare al tiro dall'altezza del dischetto, Olsen ci mette però una mano e devia in angolo. Poi ancora Roma al 34' con il colpo di testa di Dzeko su cross di Florenzi, neutralizzato ancora senza problemi da Sepe. Al 41', dopo un'occasione crociata con Stulac, ennesimo affondo giallorosso con Kluivert che mette a lato su cross basso di Under. Nella ripresa la musica non cambia. Il Parma sembra riuscire ancora a contener gli avversari, ma non può nulla al 13' quando la Roma, grazie al corner sul primo palo di Under, trova pronto alla deviazione vincente di testa Cristante. Il centrocampista, rapidissimo, anticipa Biabiany e Bastoni e mette nell'angolino più lontano dove Sepe non può arrivare. Il vantaggio della Roma, di fatto, chiude la partita. D'Aversa prova ad inserire forze fresche in attacco (Ceravolo e Sprocati) e sposta Gervinho sulla fascia, Di Francesco deve togliere Manolas per un problema fisico, ma sono gli ospiti ormai a comandare la gara. Al 25' ancora Under, inesauribile, sfiora il gol con un bel tiro dalla distanza ma Gagliolo, con la punta del piede, devia in an-golo. Sul successivo corner Dzeko, di tsta, sfiora lo specchio della porta. Ma Dzeko ha l'occasione per raddoppiare anche al 28' quando Iacoponi perde palla in mezzo al campo ma anche in questo caso il bosniaco non è fortunato nella conclusione finale. La Roma, poi, raddoppia. Al 30' Lorenzo Pellegrini, entrato in campo per Zaniolo, prova a servire Dzeko, lancio rimpallato dalla difesa del Parma sui piede di Under che non sbaglia. Poi c'è ancora tempo al 33' per un tiro di Kluivert fuori di poco e, al 40', per un'altra conclusione di Under. Finisce 2-0 per la Roma. Vittoria meritata anche se il Parma, nel primo tempo, aveva dato l'impressione di poter resistere.

ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA