Lautaro fa felice Conte

INTER/LA GRAN TRIPLETTA IN NAZIONALE LANCIA L’ARGENTINO PER UN POSTO CONTRO L’UDINESE



MILANO. L'imbarazzo della scelta in attacco per Antonio Conte: Lukaku è imprescindibile, Sanchez scalpita ma Lautaro torna dagli impegni con l'Argentina con una tripletta rifilata al Messico e un rigore procurato in appena 45 minuti. Proprio la prestazione del 'Toro' potrebbe insinuare qualche dubbio nei piani del tecnico dell'Inter. Perché per la partita contro l'Udinese sabato sera a San Siro, la scelta dovrebbe ricadere sulla coppia Lukaku-Sanchez, non per questioni tecniche ma semplicemente logistiche. Lautaro, impegnato nella lunga trasferta in- tercontinentale, arriva ad Appiano sicuramente più provato del cileno che si allena con il gruppo già da lunedì. Ma i numeri dell'argentino, sottolineati anche da un tweet dell'Inter, possono portare a qualche ripensamento: a 22 anni, infatti, con la maglia albiceleste ha già segnato 9 gol, in 13 presenze e appena 87 minuti giocati. Un rendimento che fa sorridere Conte, l'Inter e soprattutto i tifosi che, sui social, esultano facendo paragoni con i numeri di Icardi in Nazionale. Un confronto che non regge ma non solo con l'ex capitano. Perché Lautaro, contando lo stesso numero di partite, ha fatto meglio anche di Maradona, fermo a 7 gol come Higuain, Batistuta (6), Crespo (5), e Aguero (4). ''Sono davvero molto emozionato - ha raccontato dopo la partita - perché non succede tutti i giorni di vestire questa maglia e segnare tre gol. E' dura farsi spazio in mezzo a grandissimi giocatori. Sono contento e dico grazie per la fiducia''. Conte si aspetta molto dal numero 10 nerazzurro. Per l'allenatore può essere sia una prima punta che una seconda punta e, alla vigilia della partita di Cagliari, lo aveva spronato a dare il massimo: ''Ha solo 22 anni, ha grandi margini di miglioramento. Sta a lui lavorare come sta facendo perché ha grandi prospettive e noi abbiamo bisogno di risposte importanti da parte sua''. E la risposta non si è fatta attendere perché Lautaro contro il Cagliari trova il gol dell'1-0. Sabato, comunque, dovrebbe scendere in campo ti- tolare Alexis Sanchez, debuttando con la maglia dell'Inter proprio contro la sua ex squadra, l'Udinese. Un esame da non fallire per mantenere la vetta della classifica e proiettarsi con la giusta spinta ai prossimi, più complessi, impegni: martedì l'esordio in Champions, poi sabato il derby e la settimana successiva il turno infrasettimanale contro la Lazio. Gestire forze e ri- sorse sarà un aspetto fondamentale, anche se Conte si aspetta sempre il massimo della disponibilità e del rendimento da tutti i giocatori. Per essere l'anti Juve bisogna evitare errori e farsi trovare sempre pronti. E questa concorrenza interna non può che far felice l'allenatore e far sognare i tifosi già entusiasti.