Le 20mila bugie di Trump

PER IL PRESIDENTE È ETICO RACCONTARLE AI SUOI AMMIRATORI



di Dom Serafini

Recentemente la BBC America, la rete britannica che trasmette negli Usa, ha inviato un suo giornalista ad intervistare alcuni elettori dello Stato della Florida che, tradizionalmente, votano repubblicano. Tra gli intervistati vi era un italoamericano che ha spiegato come il presidente Usa Donald Trump usi un linguaggio “semplice e diretto” e che questo fosse uno dei motivi della sua popolarità. Che Trump usi un linguaggio semplice è vero ed è necessario che lo usi per comunicare efficacemente con la sua base, ma non si è detto che con lo stesso linguaggio “semplice e diretto” dice un enorme numero di bugie. Secondo il quotidiano “The Washington Post”, nei 14 mesi prima del 9 luglio scorso, il presidente ha sorpassato la quota di 20.000 bugie o 23 bugie al giorno. In particolare, il Fact Checker Database* del quotidiano ha registrato 20.055 falsità da parte del presidente. Il sito PolitiFact** elenca alcune delle bugie più recenti, come: “Nello stato del Wisconsin le schede elettorali vengono buttate nei fiumi”. Oppure: “Il presidente Barack Obama mi ha spiato durante la mia campagna elettorale nel 2016”. E anche: “Il coronavirus ha subito un’impennata in Nuova Zelanda” e “per il 99% dei casi, il COVID-19 è completamente innocuo”. Ha anche detto che il candidato democratico Joe Biden è socialista (motivo principale del supporto a Trump in Florida), senza ricordare che, durante le primarie, Biden era invece stato accusato di essere troppo di destra, e che Trump non ha mai criticato il presidente socialista russo Vladimir Putin, nemmeno quando questo ha messo una taglia per ciascun soldato americano ucciso in Afghanistan. Un sondaggio da parte di YouGov, condotto dopo un’intervista con Trump della rete TV Nbc a Miami (Town Hall dello scorso giovedì) in Florida, ha rilevato che il 30% dei telespettatori pendi James Hansen sa che il presidente sia stato “disonesto”. Infatti Trump ha mentito su quasi tutte le risposte, come ad esempio: se avesse fatto il tampone come richiesto prima del dibattito televisivo con Biden; se conoscesse il gruppo sovversivo QA- non; sull’appoggio ai suprematisti bianchi (Fratellanza Ariana); sui mancati provvedimenti quando era stato avvertito della pandemia lo scorso dicembre, e se ancora sostenga che l’uccisione di Osama bin Laden sia stata una messa in scena del presidente Barack Obama. L’aspetto più interessante e significativo di questa analisi è che per i sostenitori del presidente (definibili come “Teste di Trump”) le bugie fanno parte del suo linguaggio “semplice e diretto” e che la sua “verità” (anche chiamata “fatti alternativi”) è ciò che questi vogliono sentirsi dire. Si deduce quindi che a questi sostenitori si possa raccontare qualsiasi storiella campata in aria senza la minima preoccupazione in termini di veridicità ed etica. Se lo fa il presidente Trump, lo possono fare tutti gli altri. Per saperne di più si possono usare i seguenti link. *https://www.washingtonpost.com/graphi-cs/politics/trump-claimsdatabase/?utm_term=. -27babcd5e58c&itid=lk_inline_manual_2&itid= lk_inline_manual2 ** https://www.politifact.com/factchecks/list/ ?speaker=donald-trump&ruling=false

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA