Le big cominciano a muoversi

MERCATO/MA IL PRIMO VERO COLPO È DEL BORUSSIA DORTMUND: HAALAND




ROMA. Il nuovo anno e l'avvio del mercato di gennaio si avvicinano e i progetti di rafforzamento delle big italiane si fanno sempre più scoppiettanti. Intanto però a sorprendere tutti con un super botto a ridosso della notte di San Silvestro è il Borussia Dortmund che si porta a casa la stella nascente di Erling HAALAND. L'attaccante norvegese del Salisburgo, grande sorpresa della stagione e uno dei giocatori più corteggiati d'Europa (su di lui c'era anche mezza Serie A), ha scelto la Bundesliga per il suo futuro. Secondo le indiscrezioni, il trasferimento sarebbe avvenuto sulla base di 20 milioni (lo prevedeva una clausola nel suo contratto) più le commissioni agli agenti. Il classe 2000, 194 centimetri, arrivato a Salisburgo all'inizio dell'anno dal Molde, è stato capace di realizzare già 27 gol in 20 partite giocate, di cui ben 8 in 5 match di Champions League. Venendo all'Italia, tra le più attive in Serie A, è l'Inter, che punta a stringere al più presto per portare a Milano VIDAL: il caso del giocatore del Barcellona continua a tenere banco, perché la causa che vuole intentare al club blaugrana per dei bonus a suo dire non pagati è il segnale della volontà del cileno di andarsene per raggiungere Conte ad Appiano Gentile. A guardarsi intorno in cerca di buone idee per rafforzare il suo centro-campo è anche la Juve: PAREDES piace e serve, EMRE CAN può partire. MATUIDI, invece, non può più essere sacrificato. Lontano come non mai la scorsa estate, il francese si è guadagnato a suon di prestazioni di alto livello la fiducia di Maurizio Sarri. In quanto alla Lazio, entrata di diritto tra le pretendenti allo scudetto, si guarda per così dire in casa propria: l'idea del presidente Lotito sarebbe di portare JALLOW dalla sua Salernitana alla corte di Inzaghi: il giocatore non sta vivendo un periodo facile a Salerno, è contestato dalla tifoseria, causa un gesto poco carino verso la tribuna dopo il gol segnato contro il Crotone il 15 dicembre. L'attaccante ha chiesto scusa il giorno dopo, ha spiegato che il gesto era rivolto a un paio di tifosi che l'avevano preso di mira con insulti pe- santi rivolti a lui e alla famiglia. Ventura, però, da quel momento l'ha messo un po' da parte, gli ha preferito Cedric GONDO, punta di proprietà della Lazio, per affiancare Djuric. In quanto alla Roma, in queste ore sul punto di cambiare proprietà passando da un americano all'altro, dal Pallotta a Friedkin, l'obiettivo è trovare al più presto il vice di Dzeko ammesso che KALINIC, fermato fino ad ora dagli infortuni, abbia voglia di partire. Collegato al passaggio di consegne societario ci potrebbe essere anche il ritorno a Trigoria nella squadra dirigenziale di Daniele De Rossi, ora in Argentina al Boca a giocarsi gli ultimi momenti della sua lunga e fortunata carriera da calciatore.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA