Lezioni di Sarrismo

Juventus/Il neo tecnico alza il ritmo in vista dell’amichevole con l’Atletico



TORINO. La Juventus fatica alla Continassa, in attesa delle novità dal mercato. Con la società impegnata a rinforzare la squadra, Maurizio Sarri lavora senza sosta per formare al suo credo Ronaldo e compagni. Sabato, a Stoccolma, c’è l’amichevole con l’Atletico Madrid del ‘cholo’ Simeone, occasione per testare lo stato di forma dei bianconeri e il loro livello di apprendimento. Perché il sarrismo, per usare la definizione della Treccani, è fondato sulla velocità e sulla propensione offensiva, interpretazione della personalità del nuovo tecnico e del suo modo di intendere il calcio. Tanta corsa, dunque, abbinata al pallone, per una Juve che dovrà essere necessariamente diversa da quella delle prime uscite in terra asiatica. Il tempo per gli esperimenti, con il campionato ormai alle porte, è sempre meno. Ecco perché Sarri anche ieri ha condotto un doppio allenamento. Ancora a parte Ramsey, oggi sono in programma le visite mediche di Danilo, sbarcato ieri sera a Torino. Il brasiliano prende il posto di Cancelo, che nello scambio col Manchester City ha portato alla Juve anche un robusto conguaglio. Quella che ha portato alla corte di Sarri il terzino non sarà l’ultima operazione di mercato per i bianconeri e, intanto, cercano di capire se lo scambio col Manchester United per avere Lukaku sia davvero una operazione chiusa. Oppure se ci siano i margini per riaprirla, con l’argentino che nelle ultime ore sembra avere preso in considerazione un trasferimento in Inghilterra. Una buona notizia per Paratici, che intanto lavora anche ad altre soluzioni per accaparrarsi l’attaccante belga in rotta col suo club. Una prevede l’inserimento di Mandzukic e Matuidi nella trattativa. Intanto ha un testimonial d'eccezione la terza divisa, di colore Unity Blue, della Juventus. E' Paulo Dybala che, messo in stand by lo scambio con Lukaku, posa con indosso la nuova maglia. Forse un segnale di riavvicinamento col club bianconero, dopo il rifiuto del Manchester United da parte del giocatore argentino, che lunedì ha sostenuto le visite mediche e si è messo a disposizione di Maurizio Sarri svolgendo i primi allenamenti della stagione.