Maledizione Azzurra


Mondiali 2018/Ennesimo, grave stop per Montolivo. Fuori anche Chiellini


TORINO. Il Ct Ventura perde per infortunio Giorgio Chiellini e Riccardo Montolivo per la sfida di domani contro la Macedonia. Nell’allenamento di ieri mattina il difensore ha subito un trauma contusivo al polpaccio destro per il quale nel pomeriggio è stato sottoposto ad accertamenti strumentali. Chiellini, che non sarà quindi disponibile per la tra- sferta di Skopje. L’entità dell’infortunio, e i tempi di recupero, non sono stati resi noti. Ma quella del centrocampista la vera “maledizione azzurra”, che ha colpito ancora, causando lacrime, dolore e un lungo stop a Riccardo Montolivo. Contro la Spagna giovedì il centro- campista del Milan ha vissuto la sua partita numero 64 e il suo quarto infortunio in Nazionale, una piccola collezione di lacrime, dolore e amarezze e ora dovrà operarsi al ginocchio restando fermo 6-8 mesi. Il rischio è che la sua stagione sia conclusa anzitempo, o quanto meno compromessa. Non rientrerà prima di marzo (al suo posto è arrivato in ritiro il granata Marco Benassi), a leggere la diagnosi resa nota dal suo club, “lesione del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro”, che rende necessario l’intervento chirurgico nei prossimi giorni. Un infortunio serio, forse secondo solo alla tibia fratturata nell’amichevole con l’Irlanda il 31 maggio 2014, a un passo dai Mondiali, che gli è costato la coppa in Brasile e una stagione calvario, fuori fino a novembre, poi di nuovo da febbraio (in tutto solo 12 presenze). Quattro anni prima era tornato dal Mondiale con un problema alla caviglia, sopportato per 8 giornate di campionato prima di operarsi: uno stop un mese e mezzo nonostante il quale ha vissuto da protagonista la penultima stagione alla Fiorentina. Poi l’estate scorsa Montolivo, alla vigilia dell’Europeo, appena smaltito un guaio a un polpaccio rimediato a fine stagione, si è infortunato all’altro, mentre si allenava con gli azzurri non impiegati nell’amichevole con la Scozia a Malta. Questa volta la sfortuna ha colpito duro come il contrasto (regolare) con Sergio Ramos, in un momento complesso per il trentunenne centrocampista, finito nel mirino del Valencia di Cesare Prandelli, e sempre meno amato dal pubblico milanista, che domenica lo ha subissato di fischi quando ha lasciato il posto al diciottenne Manuel Locatelli, diventato subito idolo delle folle grazie a un clamoroso gol contro il Sassuolo. L’immagine di un passaggio di consegne, forzato ora dalla maledizione azzurra. Anche se il Milan (che sarà risarcito alla fine dalla Fifa con circa 2 milioni di euro, in base alla durata del recupero), aspetta il suo capitano. “Conosciamo la scorza e la tempra del Capitano e sappiamo bene quanto sia pronto a reagire, ad affrontare, a recuperare - è il messaggio di incoraggiamento del club -. Riccardo, figlio, marito e papà esemplare, in questo momento sta facendo il pieno di affetto e di vicinanza da parte della propria famiglia. Ma anche il versante rossonero dei suoi affetti non vuole essere da meno”.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA