Manolo torna a casa Manolo torna a casa


SCUDETTO/Il Napoli a Bergamo rilancia l’attaccante che iniziò con l’Atalanta


NAPOLI. Sexy in Europa, operaio ma vincente in campionato. È questo il Napoli che Maurizio Sarri vuole vedere oggi a Bergamo per l’ultima sfida prima della pausa per le nazionali. Dopo la sbornia di gol contro il Benfica, che gli hanno regalato anche gli elogi del quotidiano francese L’Equipe, il tecnico ha lavorato per riportare gli azzurri con i piedi per terra: la trasferta di Bergamo è storicamente dura per il Napoli che ha vinto solo 9 volte su 50 sfide e nelle ultime sedici stagioni ha prevalso solo in due occasioni. Lo scorso anno gli azzurri vinsero 3-1 con un gol, di Hamsik e la doppietta di Higuain. Due che oggi non ci saranno. Il Pipita è andato via, mentre Hamsik dovrebbe lasciare il posto a Zielinski nel turn over di Sarri, dopo aver speso molto incantando il San Paolo in Champions League. Resta il dubbio su chi sarà al centro dell’attacco azzurro. L’avversario, chiaramente, è quello giusto per tirare fuori il meglio da Manolo Gabbiadini, nato a Calcinate, vicino Bergamo e cresciuto calcisticamente proprio in nerazzurro: dopo una paio di stagioni in prestito, tornò alla base nel 2009 ed esordì in serie A con l’Atalanta a marzo 2010 contro il Parma. Da Bergamo il salto verso il grande calcio, in quel percorso che lo ha portato a Bologna, Samp e infine al Napoli. Dopo il purgatorio alle spalle di Higuain, il Gabbia ha sofferto in avvio di stagione ma contro il Chievo si è sbloccato, segnando il primo gol stagionale. Una liberazione cui ora Maurizio Sarri vorrebbe dare seguito, puntando ancora su di lui a Bergamo, come ha fatto il ct azzurro Ventura richiamandolo in Nazionale. Resta però la tentazione Milik: sempre difficile tenere fuori un attaccante reduce da sette gol in otto partite tra campionato e Champions League, e quindi il ballottaggio resta anche in considerazione della successiva sosta di campionato. E potrebbe essere un attacco a trazione italiana, quello del Napoli con Insigne favorito su Mertens a sinistra e Giaccherini che si gioca le sue chances anche a partita in corso, nel ballottaggio con Callejon. Scelte condizionate dalla notte europea anche dietro, con Maksimovic che esordirà sicuramente in campionato al posto dell’infortunato Albiol e chances sugli esterni per Strinic e Maggio. L’obiettivo azzurro è infilare la seconda vittoria consecutiva in campionato per chiudere alla sosta con 17 punti e restare incollati alla Juventus, magari allontanandosi ancora di più dalla coppia Roma-Inter, visto lo scontro diretto tra le due. Un avvio di stagione che ha risvegliato l’entusiasmo dei tifosi, fugando le paure di un ridimensionamento dopo l’addio di Higuain: proprio su questo il club azzurro punta per tentare uno sprint negli abbonamenti, sempre pochini negli ultimi anni. Finora sono a quota 6.200, poco meno dello scorso anno, la campagna è stata prorogata almeno fino a dopo Napoli- Roma, puntando a toccare quota 7.000.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA