Massacro di italiani a Dacca


BANGLADESH/L’ATTACCO AL RISTORANTE: 20 MORTI IN TOTALE, 9 I CONNAZIONALI


Dieci ore di ter- rore e di sangue, 13 minuti per il blitz del- le forze speciali bengalesi, poi il conteg- gio infinito dei morti, dei feriti, dei so- pravvissuti. L’assalto con presa d’ostaggi compiuto da nove terroristi dell’Isis la notte di venerdì all’Holey Artisan Bake- ry, ristorantino chic affacciato sul lago nel cuore del quartiere diplomatico di Dacca, è terminato con 20 civili uccisi tra cui 9 italiani imprenditori del tessile, 7 giap- ponesi e un americano, un numero impre- cisato di feriti, 13 ostaggi portati in salvo e 6 assalitori eliminati. Uno solo è stato catturato, ferito. In serata una notizia po- sitiva dalla Farnesina: il decimo italiano in un primo momento dato per disperso La tragica messa in scena degli interrogatori degli altri avventori presi in ostaggio ai quali vene imposto di recitare alcuni versetti del Dacca Holey Corano.

l’Isis afferma che il commando era for- mato da cinque per- sone e ne pubblica le foto: giovani con kefiah biancorossa in testa e kalashnikov in pugno. Nessun accen- no al terrorista che il portavoce dell’eser- cito ha dato per ferito e catturato annuncian- do, dopo soli 13 mi- nuti di blitz con spari e esplosioni trasmes- si in diretta dalla te- levisione locale ATN News: “L’operazione è conclusa. La situa- zione è del tutto sotto controllo”. Oggi il Bangladesh appare come ripiegato su se Artisan Per chi non ci riusciva non c’è stato scampo.


Il commando jihadista che ha scatenato l’inferno al ristorante di Dacca è entrato in azione in nome di Allah. Chi tra gli ostaggi conosceva il Corano, si è salvato. Per gli altri, non c’è stato nulla da fare.

Il timing delle dieci ore di orrore è stato racconta- to da chi è riuscito a fuggi- re alla follia omicida esplo- sa stanotte all’Holey Arti- san Bakery, il popolare lo- cale frequentato da stranie- ri nel quartiere della diplo- mazia della capitale del Bangladesh.

“L’intero edificio ha iniziato a ondeggiare quan- do hanno lanciato le grana- te”, ha detto il responsabi-

le, Sumon Reza, riuscito a mettersi in salvo salendo sul tetto