Massima allerta in Italia


NATALE DI TERRORE/IL VIMINALE ORDINA CONTROLLI RAFFORZATI NELLE AREE AFFOLLATE


ROMA.Controlli rafforzati in piazze, mercatini e in tutte le aree di maggior aggregazione, barriere in strada per impedire l’accesso a qualsiasi tipo di mezzo, possibilità di vietare concerti, fiere e manifestazioni in assenza delle migliori condizioni di sicurezza. Dopo l’attentato di Berlino, il Viminale rimodula le misure di prevenzione in vista delle festività natalizie. Il ministro dell’Interno Marco Minniti ha riunito il Comitato di analisi strategica antiterrorismo (Casa) con i vertici delle forze di polizia e dei servizi d’intelligence. E ieri sera il premier Paolo Gentiloni ha incontrato a Palazzo Chigi itredirettoridelleagenziediintelligence,Alessandro Pansa (Dis), Mario Parente (Aisi) eAlberto Manenti (Aise).Con la nomina d iMinniti all’Interno,Gentiloni ha per ora mantenuto le deleghe agli 007 ed ha fatto con i direttori il punto sulla situazione, anche alla luce di Berlino. Escluso qualsiasi legame tra l’attentato e il nostro Paese - il camion che ha fatto strage è uscito dall’Italia il 16 dicembre, 3 giorni prima di seminare morte a Berlino - e avuta la conferma dagli 007 che non vi sono segnali specifici di allarme riguardanti l’Italia, al Viminale ci si è concentrati su un’analisi più generale della situazione e sulle misure da attuare, con particolare attenzione al rischio di gesti emulativi.“L’attività di prevenzione è al massimo - dice una qualificata fonte che era al tavolo ma è impossibile prevedere la prossima mossa, il prossimo obiettivo. Così come è impensabile riuscire ad ipotizzare ogni scenario di attacco. Oggi hanno utilizzato un camion, come a Nizza, ma nessuno esclude che domani possano decidere di usare le auto. Dunque possiamo solo alzare tutte le antenne e mettere in campo le forze migliori,sapendo che i rischi rimarranno”. Al termine della riunione si è deciso che il Comitato rimarrà convocato in seduta permanente, per valutare nell’immediato ogni segnalazione, ed è stata inviata a prefetti e questori una circolare con la quale si chiede di rafforzare i controlli nelle aree di maggior afflusso di persone. “In attesa degli esiti investigativi” sulla dinamica e “non potendosi escludere anche il compimento di atti emulativi”, si legge nel documento, si prega di “voler intensificare le misure di vigilanza e sicurezza a protezione degli obiettivi sensibili, segnatamente di quelli istituzionali, religiosi e diplomatico consolari”. Particolare attenzione, inoltre, “dovrà essere riposta verso le aree di maggior afflusso di persone, verso le tradizionali mete interessate dalla presenza di turisti, nonché verso mercati e centri commerciali”. Proprio per questo, prefetti e questori, dovranno verificare “l’effettiva sussistenza delle condizioni di sicurezza dei luoghi dove si svolgono le iniziative eleattività,valutando l’attuazione di misure di difesa passiva, al fine di prevenire possibili criticità” e, “se del caso, procedere all’adozione di divieti di svolgimento di tali eventi”. Misure che vanno ad integrarsi a quelle già predisposte con la circolare del 5 dicembre scorso e che prevedono dunque la possibilità di posizionare dissuasori, jersey e transenne - “ostacoli fissi”, ha spiegato il prefetto di Milano Alessandro Marangoni, “che non possono essere superati da camion di grosse dimensioni” - ma, anche, di vietare lo svolgimento delle manifestazioni qualora non sia possibilegarantirelamaggiorsicurezzapossibile. L’azione di Berlino, in ogni caso, non ha colto di sorpresa l’intelligence e l’Antiterrorismo. Lo scenario internazionale si sta infatti da tempo deteriorando, con diversi focolai di rischio, dalla Libia alla Siria, dall’Iraq alla Russia, dall’Egitto all’Africa. In particolare, tutte le analisi sono concordi nelle gare all’avanzata della coalizione antiIsis nel cosiddetto “Siraq”, l’accresciuto rischio di reazioni eclatanti in Occidente. La forza del“califfato” si fonda infatti sulla propaganda e la narrativa della jihad vincente va assolutamente mantenuta con attentati che riportino il terrore tra gli “infedeli”, facendo dimenticare le sconfitte sul terreno militare. Non va poi trascurata al Qaeda che potrebbe voler tornare al centro della scena. L’Italia è nel mirino in particolare per essere l’epicentro della cristianità. E su internet sono continui i riferimenti alla “presa di Roma”.Aportare la minaccia possono essere foreign fighters di ritorno dai teatri di guerra (sono 112 quelli che hanno avuto in qualche modo a che fare con l’Italia, solo 20 di passaporto italiano), ma anche terroristi “homegrown”, lupi solitari radicalizzatisi sul web, piccole cellule che si auto- attivano. Non si escludono peraltro pianificazioni più complesse, come quelle avvenute in Francia e Belgio.Unaminacciamultiforme,dunque,edifficile da prevenire: gli apparati hanno pertanto rafforzato la vigilanza sulle aree a rischio. Il web innanzitutto, ma anche i luoghi di aggregazione. Non tanto le moschee, quanto i kebab e altri esercizi commerciali. E le carceri, ambienti chiave per la radicalizzazione, dove vengono tenuti d’occhio circa 370 soggetti considerati a rischio.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA