Match in tv/Raggi: fuoco incrociato su di me



ROMA. Ora che si sono incontrati tutti insieme in diretta tv, gli ultimi giorni di campagna elettorale si preannunciano come una corrida.

I cinque candidati prin- cipali nella corsa per il Campidoglio il giorno dopo infiammano il dibat- tito come l’autobus andato a fuoco a Roma. Pesano ancora le domande incro- ciate previste dal format Sky, che hanno messo con- tro specialmente Virginia Raggi con Giorgia Meloni e Roberto Giachetti.

“Solo chi non ha idea di cosa parla può parlare di un assessore a tempo - dice il candidato Pd attac- cando l’avvocatessa M5S -. Sapere di cosa si parla non è una cosa inutile”. Raggi sceglie la carta del- l’uno contro tutti.

“Si sono compattati contro di me perché sanno perfettamente che stanno perdendo la terra sotto i piedi - dice -. Tra l’altro il fatto che siano tutti contro di me la dice lunga del fat- to che si vogliono spartire le poltrone. Io sono il ne- mico da abbattere”.

E ancora una frase che ieri ha fatto infuriare i ri- vali: “I loro partiti non ga- rantiscono l’onestà. E’ un

dato”. Di certo Giachetti e Meloni, che hanno un buon rapporto personale, scher- zano in radio su chi abbia più in antipatia la candida- taM5S.Esuchideidue Raggi saluti con meno ca- lore. “Almeno a te ti salu- ta, stai avanti”, dice la lea- der di Fdi-An. E rimanda- no la sfida tra loro al bal- lottaggio dove assicurano “non ce le manderemo a dire”. Alfio Marchini inve- ce punta sull’abbassamen- to delle tasse.

“Siamo talmente con- vinti che si possano e si debbano abbassare che tut- ta la squadra rinuncerà al- l’indennità fino a quando (non) abbasseremo le tas- se”, dice invocando anche il voto utile perché sono “l’unico che può battere la Raggi”.

Stefano Fassina se la prende con il premier Mat- teo Renzi, ieri sera a Roma per un evento con Giachet- ti, che ha detto che “in Ita- lia ci sono troppi politici”. “E’ fantastico che Renzi ca- valchi l’antipolitica - affer- ma il candidato Si-Sel -, è uno che ha vissuto di poli- tica, ha avuto reddito dalla politica. Non ha mai lavo- rato in vita sua”.

Raggi attacca l’altra donna in campo, Giorgia Meloni, perché “messa lì dai partiti per continuare a

mangiare la città”. E la lea- der Fdi ribatte: “Uno non si può sentir dire ogni gior- no cose totalmente false e infondate che sei disone- sto, perché poi o mi porti le prove o alla fine ti que- relo”. L’avvocatessa pen- tastellata poi si difende an- che oggi dalle accuse di essere sorvegliata specia- le di Beppe Grillo e del resto del movimento.

Il leader non sarà al co- mizio finale di venerdì. “Farà un messaggio - spie- ga lei -. Non cambierà nul- la. Assolutamente. Lui già da tempo ha annunciato un passo di lato”.

E smentisce che ieri prima del dibattito tv l’ab- bia chiamata per darle con- sigli. Sul televoto Sky che ha premiato la rivale Gia- chetti dice: “Con tutto il ri- spetto quello che si deter- mina in base a sistemi di consenso fatti in quel modo non è paragonabile a quel- lo che accadrà il 5 giugno”.

Il vicepresidente della Camera ha anche l’appog- gio dell’ex segretario Pd e tra i leader della sinistra dem Pierluigi Bersani.

“Io sono qui per soste- nere il Pd e Giachetti. A me sembra la cosa più ovvia del mondo - dice Bersani a Primavalle con il candida- to - ma vedo che fa noti- zia”.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA