Migranti, coltelli e crocifissi

STAZIONE TERMINI, MAROCCHINO PUGNALA GEORGIANO CON L’AGGRAVANTE DELL’ODIO RELIGIOSO




ROMA. Una lite tra due stranieri senza fissa dimora alla stazione Termini di Roma finita con l'accoltellamento di uno dei due e l'arresto dell'altro, i cui contorni sono ancora tutti da chiarire, spinge Matteo Salvini a innalzare le misure di sicurezza in tutta Italia e a convocare una riunione al Viminale su terrorismo, estremismo islamico e immigrazione. Ed apre l'ennesimo scontro nel governo, con i 5S che lo accusano di non aver fatto nulla sui rimpatri e chiedono al premier Conte di convocare un vertice proprio sulla questione: "I fatti di cronaca di questi giorni - è il pensiero del Movimento e dello stesso di Maio - dimostrano che il vero problema sono i 600mila irregolari che abbiamo in Italia. E sui rimpatri non è stato fatto ancora nulla. Il problema ce lo abbiamo in casa, non è che scrivendo una lettera o una circolare si risolvono le cose. Bisogna fare di più sui rimpatri che sono fermi al palo". "Se hanno voglia, tempo e idee", è la replica semiseria del ministro, vengano alla riunione al Ministero. La notizia di quanto accaduto la dàllo stesso Salvini: "Un marocchino ha accoltellato un uomo col crocefisso alla stazione Termini di Roma". Il leader leghista non dice però che anche il ferito è un cittadino di origine straniera e che le stesse forze di polizia nutrono forti dubbi sulla matrice religiosa del gesto, tanto che l'episodio - avvenuto alle 22.30 del sabato di Pasqua - era finito in un comunicato della Questura che dava conto dei controlli pasquali, il cosiddetto 'pattuglione', in cui sono stati arrestati altri 4 soggetti e controllate 50 persone. Anche i magistrati della procura di Roma, che hanno aperto un fascicolo per tentato omicidio contestando l'aggravante dell'odio razziale al marocchino, sono ancora in attesa di conoscere l'esatta dinamica di quanto accaduto. Come stanno dunque le cose? La ricostruzione della Polizia non fa mai riferimento alla vicenda del crocifisso. Verso le 22.30 - dice il comunicato della Questura - un georgiano di 44 anni si è presentato dai poliziotti a piazza dei Cinquecento, dicendo di essere stato aggredito poco prima a bordo di un bus da un marocchino di 37 anni che, al culmine della lite, l'aveva accoltellato alla gola.

ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA