Missione-bis al Viareggio

FA EURO LIAC/PIÙ AMBIZIOSO IL CLUB DI BALSAMO ALLA 2a PARTECIPAZIONE

di Gianluca Palanca


BROOKLYN. Ready, set, go! Parte oggi l’avventura della FA EURO LIAC che partecipa alla 71a Edizione della Viareggio Cup, più comunemente chiamata Coppa Carnevale. I ragazzi di Joe Balsamo partiranno infatti questa sera alla volta di Milano per iniziare al meglio il percorso di avvicinamento al debutto in Coppa che si terrà sul sintetico dello Stadio “Cavanis” di Capezzano lunedì 11 marzo alle ore 15:00 contro i parì età del Venezia del presidente Joe Tacopina, noto avvocato italoamericano. Tantissime le novità quest’anno per la squadra a stelle&strisce che è alla seconda avventura italiana sotto il nome di FA EURO LIAC, dopo la scissione di qualche anno fa tra i mag- giore esponenti della ex Lega Italo Americana di Calcio. Entrano infatti a far parte dello staff che sarà a Viareggio anche due volti più che noti del calcio nostrano. Paolo Berrettini e Bruno Giordano raggiungeranno la selezione statunitense direttamente a Viareggio per dar manforte sotto gli aspetti tecnico e tattico data la loro encomiabile esperienza sia a livello giovanile che a livello professionistico.

L’altra principale novità riguarda la composizione della rosa che oltre ai ragazzi provenienti da New York, vedrà l’aggiunta in prestito per tutta la durata dell’avventura viareggina di tre ragazzi provenienti dal settore giovanile italiano: Flavio Giannini (Portiere), Anthony LoPiccolo (Difensore) e Antonio Galeoto (Centrocampista). Galeoto proviene dal selezione dell’Alba Alcamo, con esperienza anche in Serie D nella file della Aprilia. La società trapanese ha anche volutato augurare un gran in bocca al lupo al ragazzo tramiti i propri canali social.

I tre giovani calciatori italiani saranno dunque l’ingrediente che si andrà ad aggiungere al team in arrivo da Brooklyn, per creare il mix perfetto nell’affrontare il prestigioso torneo.

Lo spiega soprattutto l’allenatore Joe Balsamo: “Quest’anno partiamo per l’Italia con la convinzione di far bene. I nostri ragazzi stanno lavorando duramente per arrivare nella giusta condizione al torneo. Nonostante le condizioni climatiche avverse durante la preparazione ci siamo allenati con costanza, senza mai mollare. Quest’anno, rispetto alla passata edizione, ho la possibilità di schierare i ragazzi della giustà età, visto che nella scorsa edizione avevo ragazzi di età inferiore rispetto agli avversari. Andiamo quindi a Viareggio con dei giocatori che hanno già acquisito esperienza nella competizione e possono dare battaglia. Avrò anche il supporto di due mastri del calcio mondiale come Giordano e Berrettini che sapranno consigliarmi ed aiutare la squadra. Il nostro obiettivo è quello di giocare bene e dimostrare davvero quanto valiamo con la speranza di passare il turno e poi divertirci”.

Balsamo non nasconde che le difficolà non sono solo calcistiche: “Organizzare l’avventura della Coppa Carnevale non è mai facile, date le ingenti spese e le tempistiche, ed è per questo che mi sento di ringraziare davvero di cuore tutti i nostri sponsor ed i componenti dello staff LIAC che hanno reso tutto questo possibile.” Balsamo delinea anche le linee tematiche del club: “FA Euro New York ha un ampio vivaio con allenatori italiani ed Europei. L’obiettivo è far crescere talenti offrendo le risorse necessarie per raggiungere il massimo delle loro opportunità. Avendo base a NY abbiamo l’opportunità di lavorare con giocatori con

background diversi. Spesso, i nostri giocatori sono nati in America da genitori immigrati. Riteniamo che l’eterogeneità presenze tra iigiocatorieicoachèun valore aggiunto e raro da trovare altrove. I membri FA Euro hanno la possibilità di arricchirsi sia calcisticamente e umanamente prendendo spunto dalle varie culture presenti all’interno del club”.

Infine, il noto dislivello tra calcio statunitrese ed europeo: “Ovviamente la cultura Italiana soprattutto per gli aspetti puramente calcistici prevale sulle altre. Gli allenatori del club sono addestrati per seguire una filosofia precisa che ha tante somiglianze con le metodologie italiane. In America, gli aspetti tecnici tattici vengono poco considerati nelle squadre di club. Non è un caso che i campionati americani sono molto fisici, ma con lacune vistose tattiche e tecniche. Fa Euro lavoro al fine di educare i propri tesserati dedicandosi principalmente sulla tecnica di base e successivamente quando l’età lo permette su aspetti tattici”.

ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA