Moduli Expo per scuole e servizi


SISMA/LA FUNZIONE DEI PREFABBRICATI ESCLUDE L’ACCOGLIENZA DELLE FAMIGLIE


RIETI. Non potranno essere utilizzate come case provvisorie per le famiglie colpite dal sisma, i moduli del campo base Expo, ma in parte serviranno per scuole o servizi comuni. Comunque un apporto, che rientra in un più ampio quadro di aiuti da parte della Regione Lombardia. Il governatore Roberto Maroni è venuto a Rieti per parlarne col capo della Protezione civile, Fabrizio Curcio, e il commissario per la ricostruzione, Vasco Errani. Alla riunione in Prefettura è seguito un sopralluogo nelle zone del sisma. Obiettivo: saggiare l’utilizzabilità dei moduli Expo, 16 elementi a tre piani che hanno ospitato gli operai che hanno allestito l’esposizione. Prefabbricati, tuttora a Rho, che si possono smontare e spostare, ma singolarmente sono stati pensati per accogliere ciascuno una persona. Per le famiglie non vanno bene, ma “in parte - ha spiegato Curcio - potranno essere impiegati per scuole e servizi”. “Le cose che diciamo sono finalizzate a dare certezze”, ha sottolineato Errani. E Maroni ha assicurato che “appena la prote-ione civile nel giro di due, tre giorni indica dove collocarli, noi siamo pronti”. Il piano dell’emergenza si salda con quello a più ampia gittata di “Casa Italia”, che mira a mettere in sicurezza il Paese, nell’arco di alcuni anni. Nel corso di un’intervista è tornato a parlarne il sot- tosegretario alla Presidenza del Consi-lio, Claudio De Vincenti, sottolineando che sarà anche “un progetto per lo sviluppo del Paese”. L’altro fronte è l’inchiesta coordinata dal procuratore di Rieti, Giuseppe Saieva. C’è il nome di un primo consulente, che sarà incaricato a breve: è l’ingegnere Antonello Salvatori, docente all’Uni-ersità dell’Aquila, di cui già si avvalse la procura dell’Aquila in vari procedimenti sui crolli per il sisma del 2009. Salvatori avrà a disposizione un pool di esperti. Ieri con i pm Cristina Cambi, Raffaella Gammarota, Rocco Maruotti e uomini dei vigili del fuoco e del corpo forestale ha fatto un primo sopralluogo nelle aree poste sotto sequestro. Resta da individuare lo spazio in cui conferire la mole di documenti dell’inchiesta: carte da sondare e digitalizzare, ma anche materiale edile che sarà recuperato e repertato. Una decisione arriverà probabilmente entro la prossima settimana. Ma il lavoro da fare è enorme e potrebbero essere necessari “strumenti eccezionali da mettere a disposizione” degli inquirenti, ha rilevato il vice presidente del Csm, Giovanni Legnini, che lunedì guiderà una delegazione del Csm a Rieti. Con lui anche il presidente della Cassazione, Giovanni Canzio, che a Rieti risiede ed è stato giudice.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA