• Redazione

NAPOLI gol a raffica e MERTENS fa il cannibale



Serie A/I partenopei hanno il miglior attacco d’Europa con una media reti superiore al Psg

NAPOLI. Meglio del Paris Saint Germain di Neymar e Cavani, meglio della Juve di Dybala e Higuain, meglio dei due giganti di Manchester che comandano in Premier League. I sei gol contro il Benevento fanno schizzare la media gol del Napoli che è oggi la migliore d'Europa. Lo certifica il sito dell'Uefa che fa una speciale classifica dei club più prolifici dopo le prime quattro giornate dei maggiori cinque campionati del continiente. Gli azzurri con la goleada ai sanniti hanno una media gol di 3,75 reti a partita: superiore al Psg, che è secondo con 3,5 gol a gara, e alla Juventus che è a 3,25 reti ogni 90'. Il gioco può migliorare ancora, ma intanto il Napoli continua a segnare a raffica: prima dei sei gol al Benevento erano infatti arrivati i tre tris calati contro Verona, Atalanta e Bologna. Una macchina da gol che sta anche affinando le capacità difensive: compreso lo scivolone contro lo Shakthar in Champions League, gli azzurri hanno subito solo quattro gol in sette partite. Davanti segnano un po’ tutti, anche se il primato è già del 'cannibalè Mertens, uno che "ha una fame incredibile di gol", come lo ha definito ieri Maurizio Sarri: il tecnico azzurro è un appassionato di ciclismo e forse vede negli occhi di Dries la stessa fame che vedeva negli occhi del 'cannibale’ per eccellenza, un altro belga, Eddie Merckx. Mertens è a quota 6 gol stagionali, di cui 5 in campionato. Ma contro il Benevento sono tornati a segnare anche Callejon e Insigne, entrambi già in gol contro il Bologna. Il tridente dei piccoli, insomma, è tornato a incantare, ma anche il resto della squadra è coinvolto nella giostra del gol. Ieri è arrivata la prima rete di Allan, mentre Zielinski e Milik sono già a quota due gol in stagione. All'appello manca Marek Hamsik che però ha dato ottimi segni di ripresa contro il Benevento, tanto che Sarri per la prima volta in stagione non lo ha sostituito. Lo slovacco ha scritto sul suo sito ufficiale: "Abbiamo dimostrato la nostra forza, dovevamo ritrovare la vittoria dopo la sconfitta contro lo Shakhtar e ci siamo riusciti". Ieri mattina gli azzurri, però, erano già in campo. Mercoledì sera arriva quello che Sarri ha definito "il primo test davvero importante". Contro la Lazio sarà uno scontro diretto con una delle pretendenti ai quartieri alti della classifica che, come ha ricordato il tecnico toscano "ha già battuto Milan e Juventus quest'anno", riferendosi all'exploit in campionato e in Supercoppa. Sarà un Napoli d'as- salto anche a Roma, pronto a restare a punteggio pieno, eguagliando un altro primato, quello delle cinque vittorie consecutive in avvio di campionato, che è riuscito finora solo al Napoli di Maradona nel 1987/ 88, il primo con lo scudetto sulla maglia. Dopo 5 vittorie di fila il record di fermò proprio a Roma, ma contro i giallorossi. Sarri sogna di raggiungerlo e poi di superarlo nel week-end contro la Spal.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA