NAZIONALE/ E’ arrivato l’annuncio ufficiale: Giampiero Ventura nuovo ct fino ai Mondiali



ROMA. Un segreto non più segreto. Giam- piero Ventura è il ct della Nazionale per i prossimi due anni, sarà lui a traghettare la Nazionale verso i Mondiali in Russia del 2018. Restava solo l'ufficializzazione e ci ha pensato ieri - alla vigilia della partenza per la Francia degli Azzurri - il presidente della Figc, Carlo Tavecchio, annunciando la sua scelta prima al Consiglio federale e poi in conferenza stampa: "Ho mantenuto almeno con me stesso la mia prima idea, che è maturata un mese fa e quindi comu- nico che Giampiero Ventura sarà il ct della Nazionale dopo l'esperienza degli Europei. Avrà un contratto biennale che va fino al Mondiale in Russia", è stato l'annuncio del numero uno federale. La cui scelta è ricaduta sull'ex tecnico del Torino come futuro ct per il dopo Conte perché "è un maestro di calcio, ha insegnato anche a tanti allenatori le sue regole innovative, ha lanciato tanti calciatori in Nazionale, ha un'esperienza smisurata nella formazione del settore giovanile e credo che abbia sempre avuto un sano concetto di appar- tenenza".

Ventura ha raccolto un consenso pressoché unanime anche all'interno dello stesso consesso federale, la sua presentazione avverrà il 18 luglio in occasione del primo Consiglio successivo agli Europei. L'an- nuncio è arrivato con l'ex allenatore grana- ta già in viaggio verso la Capitale, dove oggi si incontrerà con la Federcalcio per la firma su un contratto biennale a 1,3 milioni a stagione: "Porterà con sé un vice, un preparatore atletico e un osservatore", ha pre- cisato Tavecchio, aggiungendo che sulla scelta non ha subito "alcuna pressione" e che "il completamento di tutta l'operazione sarà fatto non certo a breve, perchè quello che interessava era il ct ma verrà completato in una persona di area tecnica. Il tempo è dalla nostra, quindi dopo l'Europeo arrive- remo ad individuare la persona".

Chiaro il riferimento al nodo riguardan- te il futuro direttore tecnico. La Federcal- cio da tempo lo ha individuato in Marcello Lippi, ma sull'ex ct campione del mondo nel 2006 grava una norma del regolamento agenti che ne connoterebbe un'incompatibilità a causa del figlio procuratore Davide: "Non posso nascondere che ho le mie idee, ma qualche approfondimento in questo momento lo merita. Valuteremo i pro e i contro sia giuridici che legali", sentenzia Tavecchio, restando così in attesa di un parere della sezione consultiva della Corte d'appello federale. Resta la smania di dare una svolta al progetto azzurro per il prossimo biennio mondiale: "Abbiamo in mente un proget- to di rafforzamento, specializzazione e professionalizzazione tecnica, il primo passo è stato quello della nomina del ct".