Nessuna prova contro le Ong



MIGRANTI/LA POLEMICA SUI PRESUNTI LEGAMI CON I TRAFFICANTI DI UOMINI

ROMA. Non trova, per ora, supporto investigativo l’ipotesi, formulata dal procuratore di Catania, Carmelo Zuccaro, di rapporti tra alcune Ong ed i trafficanti di uomini. Al procuratore di Siracusa, Francesco Paolo Giordano, “nulla risulta” riguardo “collegamenti obliqui o inquinanti tra ong o parti di esse con i trafficanti di migranti”. Mentre il presidente del Copasir, Giacomo Stucchi, smentisce l’esistenza di dossier dell’intelligence italiana in materia. Con le organizzazioni si schiera la Cei, definendo “vergognoso” il “fuoco politico indistintamente sulle nove ong che operano nel Mediterraneo per salvare vite umane”. E Medici senza frontiere contrattacca sostenendo che “non sono le organizzazioni umanitarie, ma le politiche europee a favorire i trafficanti”.

ILPROCURATOREDISIRACUSAPRENDE LEDISTANZEDAZUCCARO.Ilprocuratoredi Siracusa, sentito dal Comitato Schengen, spiega di non avere alcun elemento investigativo su rapporti tra ong e trafficanti né evidenze di “spegnimento dei transponder (dispositivi che trasmettono la posizione della nave, ndr) da parte delle organizzazioni per non essere intercettate”. Giordano ammette che “ci sono ong più collaborative con l’autorità giudiziaria e altre meno”, ma ciò “non l’abbiamo mai interpretato come un ostacolo alle indagini, ma come un

atteggiamento ideologico, una sorta di coerenza, loro sono a favore del migrante non a favore della polizia”.

NESSUN DOSSIER DEGLI 007 ITALIANI INDICA RAPPORTI ONG-TRAFFICANTI. Nei giorni scorsi notizie di stampa avevano parlato di rapporti di intelligence alla base delle accuse lanciate dal procuratore Zuccaro. Probabilmente intercettazioni di conversazioni telefoniche che - a causa di questa origine - non potevano diventare prove in tribunale. Il leader della Lega Nord, Matteo Salvini, ieri a Catania, ha accusato il presidente del Consiglio: “Se Gentiloni tace sui dossier dei servizi segreti sul business dello scafismo di Stato, è complice e quindi é allucinante questo silenzio del presidente del consiglio”. A smentire Salvini - almeno in riferimento ai servizi segreti italiani - è però il suo compagno di partito Stucchi, presidente del Copasir. “Con riferimento alle notizie circolate a proposito dell’esistenza di un dossier predisposto dai servizi segreti italiani e attestante rapporti tra scafisti e ong per il controllo del traffico dei migranti nel Mediterraneo, dopo le verifiche del caso, alla luce di informazioni assunte - fa sapere - ritengo corretto evidenziare come tali notizie risultino prive di fondamento”.

MSF,SIVERGOGNICHICICHIAMATAXI.

E mentre oggi il Comitato di presidenza del Csm decide se aprire una pratica su Zuccaro e convocarlo, Medici senza frontiere attacca. “Non ci sembra dignitoso - spiega il presidente, Loris De Filippi - paragonare le organizzazioni non governativea‘taxi’deimigrantiinmare.Sivergogni chi lo dice. Ogni giorno in migliaia continuano a prendere il mare affidandosi a trafficanti senza scrupoli. Non lo fanno perché potrebbero esserci delle barche a salvarli al largo della Libia, ma perché non hanno altra scelta e perché le politiche europee non offrono loro alternative”. Le ong, spiega da parte sua il direttore di Amnesty International in ItaliaGiorgioRufini,“sisonodovuteinventaremodi per salvare vite nel Mediterraneo perché gli Stati hanno omesso di assolvere alle proprie responsabilità”.

M5SPRESENTAUNAPROPOSTADILEGGE.

Oltre alla Lega, ci sono anche M5S e Forza Italia a puntare l’indice contro le organizzazioni umanitarie. Oggi il Movimento depositerà una proposta di legge per rafforzare i poteri dello Stato contro i reati gravi che si consumano in mare. “Vogliamo tutelare - spiega Roberto Fico - due soggetti. Il primo sono i più deboli: gli immigrati, vittime del traffico degli scafisti. I secondi sono le ong: quando fai chiarezza totale aiuti tutti”.