• Redazione

«Noi torturati e venduti»



MIGRANTI/I PROFUGHI DELLA DICIOTTI A ROCCA DI PAPA ACCOLTI DALL’ASSOCIAZIONE «MONDO MIGLIORE»

ROCCA DI PAPA (ROMA). È stata la loro prima vera giornata di riposo. Sono arrivati stanchi e stremati e dai loro racconti resi agli operatori sociali che li hanno intervistati, emergono vicende atroci e anni di violenze. Sono le storie dei cento migranti che erano a bordo della nave Diciotti, arrivati nelle ultime ore al centro 'Mondo Migliore’ di Rocca di Papa. I 92 uomini e le otto donne, tutte eritree, sono stati accolti dagli applausi degli altri ospiti e aspettano ora di essere distribuiti nelle diverse diocesi italiane che hanno dato alla Cei la loro disponibilità ad accoglierli, tra cui le città di Milano, Firenze e Napoli: andranno via tra pochi giorni. Di fronte agli operatori i profughi si sono detti stupiti, grati e speranzosi. Tra loro ci sono tanti cristiani copti rimasti ester- refatti - riferiscono gli operatori - che proprio il Papa in persona fosse inter- venuto per superare la fase di stallo nella loro vicenda. Ma è stata anche la giornata dei ricordi, riaffiorati durante le interviste rilasciate agli operatori sociali del centro. Nel descrivere il percorso che hanno fatto in questi anni prima di arrivare in Italia, alcuni hanno raccontato di essere stati tenuti sotto terra in un magazzino in Libia, venduti due o tre volte, e in quello stato di detenzione durato per molto tempo sono nati sedici bambini. Qui le donne hanno anche partorito, per poi vedere morire i propri figli dopo cinque o sei mesi. Tra i nuovi ospiti ci sono anche sei coppie sposate e in tutto otto donne, vittime di abusi sessuali. I profughi appena arrivati "non hanno idea di quello che sta succedendo in queste ore intorno a loro, tantomeno del perché". All'esterno del Centro 'Mondo Migliore’ anche ieri si sono svolti due sit-in di protesta: da una parte gli anti-fascisti 'promigranti’, dall'altra i militanti di Casapound, che hanno chiesto il rimpatrio dei profughi contro "l'accoglienza a spese degli italiani". Ma l'intera operazione dell'acco-


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA