Non passa lo spot razzista



MIDTERM/FB ED ALCUNE TV RIFIUTANO IL VIDEO DI TRUMP SUI MIGRANTI

WASHINGTON. Un video ‘razzista’. Con questa motivazione Facebook e le maggiori reti televisive americane hanno rifiutato l’ultimo spot pubblicitario di Donald Trump sugli immigrati nella campagna elettorale per il voto di metà mandato. A girare le spalle al tycoon è stata anche l’amata Fox, l’emittente più vicina al presidente e che ha cavalcato il tema dell’immigrazione e la paura per la carovana di migranti che si sta dirigendo dall’America centrale verso gli Stati Uniti. Nel video si invita, con toni durissimi, a fermare la carovana. E si usano le immagini di Luis Bracamontes, un clandestino espulso due volte in Messico e condannato a morte per aver ucciso due poliziotti. “Ai pericolosi illegali criminali come il killer di poliziotti Luis Bracamontes non importa delle nostre leggi”, dice la voce narrante. Trump ha fatto della carovana uno dei temi chiave della campagna per le midterm, parlando senza mezzi termini di rischio di “invasione”. Inizialmente lo spot è stato trasmesso da alcune grandi emittenti americane. La Cnn si è però rifiutata fin dall’inizio, mentre Nbc e Facebook lo hanno mandato in onda durante lo scorso fine settimana. L’ondata di proteste che ne è seguita è stata talmente forte da spingerle a tornare sui loro passi e rimuoverlo. Alla fine anche Fox è stata costretta a prenderne le distanze, anche per contenere le critiche che la descrivono come l’emittente del tycoon. Una teoria alimentata ulteriormente dall’ultimo comizio di Trump: sul palco allestito in Missouri, il presidente è stato raggiunto da due star di Fox, Sean Hannity e Jeanine Pirro. Anche in questo caso l’emittente è stata costretta a condannare: “Fox News non tollera la partecipazione di nessuno dei suoi talenti agli eventi di campagna elettorale”.


Post recenti

Mostra tutti