Palermo italoamericano

La cordata Mirri-Sagramola-Di Piazza si aggiudica il titolo sportivo della società rosanero per la D



di Domenico Delli Carpini

NEW YORK. Dopo l’acquisizione della Fiorentina da parte del tycoon di Mediacom Rocco Commisso un altro imprenditore italoamericano di successo, Tony Di Piazza, entra se non nell’Olimpo, certamente nel calcio che conta in Italia. “Siamo pronti per la partenza - ha dichiarato conchiarasoddisfazioneadAmerica Oggi il neo vicepresidente della società rosanero”. L’obiettivo adesso, per di Di Piazza e il suo gruppo, è quello di entrare ‘passo per passo’ anche se dalla porta di servizio tra le grandi della A. Un posto che Palermo e la città - ancora sotto shock per la sciagurata amministrazione Zamparini, meritano, anzi strameritano. La cordata composta da Mirri con Sagramola e Di Piazza si è aggiudicata la gara indetta dal Comune per rilevare il titolo sportivo del Palermo calcio dopo l'esclusione dai quadri federali della vecchia società. Lo ha comunicato in conferenza stampa ieri il sindaco di Palermo Leoluca Orlando. Il sindaco ha individuato tra le proposte quella di Hera Hora srl del gruppo di Dario Mirri con Tony Di Piazza e Rinaldo Sagramola. "Il mio è stato un mandato esplorativo - dice Orlando - il sindaco dà indicazione, ma è la Figc che decide. Piuttosto che dare una mia opinione, potevo svolgere un'attività consultiva, mi è sembrato opportuno dare vita a un avviso per conoscere disponibilità a farsi carico del ritorno in vita del calcio a Paler- mo perché in questo momento drammaticamente il calcio a Palermo è morto". "La Lega - ha aggiunto - ha specificato le condizioni necessarie per l'ammissione della società che sarà formalmente scelta dalla Figc". La Federcalcio ha confermato per giorno 29 alle 15 il termine ultimo per la chiusura di tutti gli adempimenti necessari da parte della società indicata dal sindaco. Orlando, per una più ampia consultazione, ha invitato ad esprimersi sui contenuti delle proposte giunte, persone del suo staff e il magistrato in pensione Leonardo Guarnotta. Raggiunto telefonicamente a New York, il neo vicepresidente del Palermo calcio Tony Di Piazza si è detto felice della decisione del sindaco Orlando e del futuro della neonata società che inizierà il percorso di risalita verso il calcio che conta dalla Serie D. “È un’sperienza nuova ed emozionante - ha detto l’imprenditore italoamericano - una cosa bellissima, quasi un sogno. Speriamo di ripagare la fiducia e l’affetto dei tifoseria con i risultati. Noi ce la metteremo tutta per far crescere il Palermo, la città, e soprattutto l’immagine della della Sicilia”. “Ci hanno messo un peso forte sulle spalle - ha poi continuato il neo dirigente rosanero - ma credo che faremo una bella figura. Speriamo di far bene nella D e poi continuare un passo alla volta. Così è il calcio”. Nella convinzione che la decisione di assegnare il Palermo calcio fosse ormai scontata, sia Di Piazza come la Damir, la società che opera nel settore della pubblicità e che controlla il pacchetto di maggioranza del club, si erano già messi all’opera per realizzare una struttura tecnico-diregenziale che potesse mettersi immediatamente al lavoro e creare le condizioni necessarie per affrontare un campionato difficile come quello della D. “Abbiamo già istituito una quadro dirigenziale in grado di mettere subito la squadra in evidenza - ha affermato il chairman dell’As- sociazione culturale italiana di New York - e saremo pronti per la partenza”. “Per quanto mi mi riguarda - ha poi ribadito Di Piazza - io ricoprirò il ruolo di vicepresidente ma tutti insieme lavoreremo come in una squadra. Voglio dare una mano alla società (e specie al settore giovanile), al territorio e al Palermo senza sconvolgere tuttavia la mia vita. Ma questo non significa che non parteciperò alle decisioni (più importanti) della società, anzi”.Chissà se un giorno, forse non troppo lontano, assisteremo a un derby tutto italoa-mericano Fiorentina-Palermo a New York! Le premesse, almeno dalle promesse, ci sono.

ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA